MS: on line il numero 964

E’ on line il numero 964 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – ITALIANI VELOCI: ORO A BASSO (BLITZ), GILEVYCH (RAPID) E ALTINI (SEMILAMPO)
2 – CHESS.COM: GLI “ARCH BISHOPS” DI FAB FAB SI AGGIUDICANO LA PRO CHESS LEAGUE
3 – MALMO (SVEZIA): L’INGLESE JONES SU TUTTI NEL TORNEO TEPE SIGEMAN & CO
4 – TORNEO DELLE CANDIDATE: PRONTI I TURNI, SI PARTE IL 31 MAGGIO A KAZAN
5 – OSTRAVA (REPUBBLICA CECA): DAVID NAVARA CONQUISTA IL NONO TITOLO NAZIONALE
6 – SAN BONIFACIO: IL CECO RAUSIS A PUNTEGGIO PIENO NELL’OPEN INTERNAZIONALE

ITALIANI VELOCI: ORO A BASSO (BLITZ), GILEVYCH (RAPID) E ALTINI (SEMILAMPO)
Un titolo a testa per Nicola Altini, Pier Luigi Basso e Artem Gilevych, che si è aggiudicato anche due medaglie d’argento. Questo, in estrema sintesi, l’esito dei campionati italiani veloci, ospitati dal 3 al 5 maggio al Grand Hotel Adriatico di Montesilvano (Pescara), già sede del Trofeo scacchi-scuola nel 2017 e 2018, nonché di un festival giunto quest’anno alla quarta edizione. Ai nastri di partenza dell’evento si sono presentati 129 giocatori nel rapid 25’+5”, 133 nel blitz 3’+2” e 142 nel semilampo 12’+3”; mancavano però i maggiori protagonisti delle ultime edizioni, a partire da Danyyil Dvirnyy, Sabino Brunello e Luca Moroni, mattatori nel 2018.
Oltre ai tre vincitori, comunque, in gara c’erano altri forti titolati, quali i GM Roberto Mogranzini, Carlos Garcia Palermo e Igor Efimov e il MI Duilio Collutiis, senza contare i numerosi MF.
Entrando nei dettagli, nel blitz, giocato venerdì 3 maggio, Basso si è imposto solitario e imbattuto con 9,5 punti su 11, staccando di mezza lunghezza Gilevych e di una Efimov e Collutiis; quinti a 8 Mogranzini, i fratelli MF Ettore e Carlo Stromboli, Altini, il tredicenne CM Matteo Piccinno. Il maestro Nicolò Pasini e il MF Nicola Paglietti. A ottenere il miglior piazzamento fra le donne in gara è stata la MFf Gaia Paolillo, 21ª nel gruppo a 7.
Nel rapid (25’+5”) Gilevych ha trionfato con 6,5 su 7, staccando di mezza lunghezza Collutiis e Basso; a 5,5 hanno chiuso Mogranzini, i fratelli Stromboli, Altini, il maestro Carlo Marzano, il diciottenne CM Gabriele D’Urbano e il quindicenne maestro senese Francesco Bettalli. Di nuovo Paolillo, 16ª a 5, è stata la migliore fra le donne.
Infine nel semilampo Altini l’ha spuntata con 8 punti su 9, malgrado la sconfitta al penultimo turno contro Gilevych, infine secondo a mezza lunghezza di distanza davanti a Collutiis e Basso, superati per spareggio tecnico; quinti a 7 Ettore Stromboli, Efimov e Garcia Palermo. Prima nella classifica femminile si è piazzata la quindicenne pescarese Melissa Maione, 36ª a 5,5.
L’evento, che aveva un montepremi in denaro di circa 5.000 euro, è stato organizzato da “L’università degli scacchi” di Perugia (UniChess) e Le Due Torri di Bologna.
Sito ufficiale: https://www.scacchinazionali.it/
Classifiche finali
Blitz: 1° Basso 9,5 punti su 11; 2° Gilevych 9; 3-4° Efimov, Collutiis 8,5; 5°-11° Mogranzini, E. Stromboli, C. Stromboli, Altini, Piccinno. Pasini, Paglietti 8; 12°-17° Paci, Ranieri, Gorgoglione, Ciavarra, Orfini, Di Giacinto 7,5; ecc.
Rapid: 1° Gilevych 6,5 punti su 7; 2°-3° Collutiis, Basso 6; 4°-10° Mogranzini, E. Stromboli, C. Stromboli, Altini, Marzano, D’Urbano, Bettalli 5,5; 11°-18° Carbone, Efimov, Pescatore, Santagati, Granaldi, Paolillo, Ciampi, Gorgoglione 5; ecc.
Semilampo: 1° Altini 8 punti su 9; 2°-4° Gilevych, Collutiis, Basso 7,5; 5°-7° E. Stromboli, Efimov, Garcia Palermo 7; 8°-14° C. Stromboli, Santagati, Serloni, Orfini, Di Trani, Pasini 6,5; ecc.

CHESS.COM: GLI “ARCH BISHOPS” DI FAB FAB SI AGGIUDICANO LA PRO CHESS LEAGUE
Gli “Arch Bishops” di Saint Louis si sono aggiudicate l’edizione 2019 della Pro Chess League, forte torneo a squadre organizzato su Internet dall’ormai ben noto sito Chess.com. L’evento, a cadenza rapid (15′ più 2” per mossa) è giunto quest’anno alla sua terza edizione e, come nel 2017 e nel 2018, anche stavolta ha visto impegnati un mucchio di giocatori (quasi 400 nelle fasi di qualificazione), tra i quali un plotone di GM e superGM, del calibro di Caruana, Mamedyarov, Ding, Giri, Vachier-Lagrave, So, Nepomniachtchi, Yu, Nakamura, Harikrishna e Duda, solo per citare i più quotati. Ciascuna formazione doveva schierare giocatori “locali”, ma erano possibili innesti di stranieri, ovvero “free agent” (uno per ogni match).
Trentadue squadre, in rappresentanza di altrettante città di quasi tutti i continenti (unica assente l’Africa), si sono date battaglia dall’8 gennaio, data di inizio delle fasi di qualificazione a gironi (quattro in tutto), al 5 maggio, quando è stata disputata la finalissima. Le prime quattro classificate di ciascun girone hanno avuto accesso alla fase finale a eliminazione diretta.
A spuntarla dopo quattro mesi di gioco sono stati appunto gli “Arch Bishops”, formazione statunitense che ha potuto contare sui top player Caruana e So, nonché su GM quali Varuzhan Akobian e Dariuz Swiercz, che in finale hanno sconfitto nettamente per 10-6 le “Snow balls” (Palle di neve) di Baden Baden (Meier, Donchenko, Kollars, I. Agrest). I Panda di Chengdu (Li Chao, Wang Yue, Zhao Jun, Zhang Di) hanno conquistato il terzo posto superando 8,5-7,5 le “Armenian agles”, prendendosi la rivincita per il ko subito lo scorso anno contro gli armeni nella finalissima dell’evento. Per Saint Louis si tratta del secondo trionfo in tre anni, ai quali si aggiunge anche un bronzo.
Da rilevare che semifinali e finale, il 4 e 5 maggio, sono state ospitate alla Folsom Street Foundry di San Francisco di fronte a un folto pubblico pagante, anche se i giocatori si sono affrontati comunque via web e utilizzando personal computer, posti uno di fronte all’altro, anziché davanti a una scacchiera “fisica”. Alla cerimonia di chiusura Greg Shahade, commissario della Pro Chess League, ha annunciato che dal 2020 saranno 40 e non solo 32 le squadre ammesse alle fasi di qualificazione a gironi.
Sito ufficiale: https://www.prochessleague.com/

MALMO (SVEZIA): L’INGLESE JONES SU TUTTI NEL TORNEO TEPE SIGEMAN & CO
Il GM inglese Gawain Jones ha dominato l’edizione 2019 del torneo Tepe Sigeman & Co., ospitata a Malmo (Svezia) dal 3 al 9 maggio. Jones, numero due di tabellone, ha concluso solitario e imbattuto in vetta con 5 punti su 7, pareggiando all’ultimo turno il decisivo scontro diretto con il favorito superGM indiano Pentala Harikrishna, favorito della vigilia e infine secondo a 4,5.
Il GM inglese aveva staccato Harikrishna al penultimo turno, quando era riuscito a sconfiggere il GM svedese Nils Grandelius, mentre l’indiano non era riuscito ad andare oltre il pari con il GM tedesco Liviu-Dieter Nisipeanu.
A partire dal 1° maggio Jones è entrato a far parte del club dei 2700 e grazie alla sua vittoria a Malmo ha racimolato altri 7,2 punti Elo, che gli hanno permesso di raggiungere il 32° posto nel live rating Fide a quota 2709,2.
L’ultimo turno è stato l’unico del torneo in cui le partite sono tutte finite in parità, il che ha incluso anche un risultato fortunato per l’eroe locale Nils Grandelius, che è riuscito a strappare mezzo punto, in una posizione svantaggiosa, al GM croato Ivan Saric, permettendogli di salire sul terzo gradino del podio a quota 4.
La competizione aveva un rating medio di 2664 (17ª categoria Fide).
Sito ufficiale: http://www.tepesigemanchess.com/
Classifica finale: 1° Jones 5 punti su 7; 2° Harikrishna 4,5; 3° Grandelius 4; 4° Nisipeanu 3,5; 5°-6° Maghsoodloo, Sarin 3; 7°-8° Saric, Persson 2,5

TORNEO DELLE CANDIDATE: PRONTI I TURNI, SI PARTE IL 31 MAGGIO A KAZAN
Tutto pronto per il torneo delle candidate al titolo mondiale femminile, che si disputerà dal 31 maggio al 18 giugno a Kazan, in Russia. La cerimonia per il sorteggio dei turni ha avuto luogo il 30 aprile al Museo degli scacchi di Mosca, alla presenza del presidente della Fide, Arkady Dvorkovich, e di Judit Polgar, la più forte giocatrice di tutti i tempi.
Le otto partecipanti saranno le russe Kateryna Lagno, Alexandra Kosteniuk, Valentina Gunina e Alexandra Goryachkina (subentrata alla cinese Yifan Hou, che ha rinunciato all’impegno), le sorelle ucraine Mariya e Anna Muzychuk, la georgiana Nana Dzagnidze e la cinese Tan Zhongyi. Come da regolamento, le giocatrici provenienti dallo stesso paese dovranno affrontarsi al primo turno di ogni sezione di gioco, il che significa, per esempio, che le sorelle Muzychuk si affronteranno al primo e all’ottavo turno, mentre le quattro giocatrici russe si affronteranno dal primo al terzo e dall’ottavo al decimo turno.
Organizzato dal Ministero per lo sport della Repubblica di Tartaria, dalla Fide e dalla Federazione russa, l’evento prevede un montepremi di 200.000 euro, un vero record. La vincitrice diventerà la sfidante ufficiale dell’attuale campionessa mondiale in carica, Ju Wenjun, nel match per il titolo.
Sito ufficiale: http://www.fide.com

OSTRAVA (REPUBBLICA CECA): DAVID NAVARA CONQUISTA IL NONO TITOLO NAZIONALE
Il GM ceco David Navara ha dominato l’edizione 2019 del campionato open della Repubblica Ceca, disputata a Ostrava dal 27 aprile al 5 maggio. Navara, che partiva come favorito della vigilia, ha rispettato i pronostici piazzandosi al primo posto in solitaria e imbattuto con 8 punti su 9 e due pareggi: al terzo turno ha spartito il punto con il GM Vojtech Plat e al sesto con il GM Vlastimil Babula. Sul secondo gradino del podio è salito il MI ceco Lukas Cernousek con 7 punti e un’unica sconfitta, all’ottavo turno con Navara, seguito dai GM Pavel Simacek e MI Tomas Kraus, che hanno spartito il terzo posto a quota 6,5. Navara ha così conquistato il suo nono titolo, dopo quelli del 2004, 2005, 2010, 2012, 2013, 2014, 2015 e 2017. Al torneo, che aveva una media Elo di 2289, hanno preso parte 68 giocatori, tra cui 12 grandi maestri e 15 maestri internazionali.
Risultati: http://chess-results.com/tnr435695.aspx
Classifica finale: 1° Navara 8 punti su 9; 2° Cernousek 7; 3°-4° Simacek, Kraus 6,5; 5°-11° Plat, Kriebel, Michalik, Hausner, Krejci, Stocek, Biolek 6; ecc.

SAN BONIFACIO: IL CECO RAUSIS A PUNTEGGIO PIENO NELL’OPEN INTERNAZIONALE
Nuovo trionfo a mani basse per il GM ceco Igors Rausis che, dopo l’en plein al torneo di Roma a fine aprile, ha vinto anche la terza edizione dell’open internazionale di San Bonifacio, disputata dal 3 al 5 maggio. Rausis, super favorito della vigilia, si è imposto anche questa volta in solitaria e imbattuto con un perfetto 5 su 5, staccando di ben una lunghezza e mezza i suoi inseguitori più diretti. Sul secondo gradino del podio è salito il bolzanino Giuseppe Voltolini, che ha superato per spareggio tecnico il padovano Giulio Fregonese e i vicentini Roberto Negro e Marco Luigi Ghiotto (classe 2003), che come lui avevano totalizzato 3,5 punti. L’altro titolato in gara, il MF croato Bogdan Bozinovic, si è piazzato 6° (9° per spareggio tecnico) nel gruppo a 3, guidato dal milanese Simone Pozzari (classe 2006).
Nell’open B il bellunese Sisto Caldara si è imposto in solitaria e imbattuto con 4,5 punti su 5, staccando di mezza lunghezza i suoi inseguitori diretti, ovvero i veronesi Alessandro Adami (favorito della vigilia) e Marco Gneo, che hanno spartito il secondo posto a quota 4. Al torneo hanno preso parte 69 giocatori, provenienti da quattro Paesi diversi, tra cui un grande maestro e un maestro Fide nell’open principale.
Risultati: http://vesus.org/festivals/iii-open-internazionale-di-san-bonifacio/
Classifiche finali
Open A: 1° Rausis 5 punti su 5; 2°-5° Voltolini, Fregonese, Negro, Ghiotto 3,5; 6°-10° Pozzari, Carli, Lezzerini, Bozinovic, Piccirillo 3; ecc.
Open B: 1° Caldara 4,5 punti su 5; 2°-3° Adami, Gneo 4; 4°-7° Pisani, Bonini, Fornaciari, Tencheni 3,5; ecc.

Lascia un Commento