Editoriali

Segno dei tempi

Se le prospettive in altri ambiti sembrano ora come ora piuttosto fumose, ci possiamo consolare constatando che, almeno negli scacchi, il futuro dei giovani italiani appare un pochino più roseo. Almeno dal punto di vista della crescita individuale…

Auguri lampo

La perenne ricerca di nuove idee per diffondere il gioco, attirare sponsor e incrementare il numero degli agonisti è un esercizio creativo a cui il mondo degli scacchi si dedica da sempre con buona volontà. Ormai possiamo dire di aver visto e sentito tutto e il contrario di tutto: campionati del mondo classici, a eliminazione diretta, Fide e anti-Fide, sfide uomo contro computer, computer contro computer, veterani contro giovani pulzelle, scacchi random-960…

Tasse e balzelli

Quando e in che misura arriveranno è ancora da vedere, ma pare proprio che, nell’imminente futuro, nuove tasse graveranno sugli organizzatori dei tornei che si disputeranno sotto l’egida della Fide. E sui giocatori, che dovrebbero pagare una “licenza annuale” di 30 euro (o una “a vita” di 500) per giocare a livello agonistico…

I conti tornano?

Di questi tempi i lettori che aprono una rivista di scacchi non avranno nessuna voglia di leggere anche qui analisi economiche e storie di deficit di qualsiasi genere…

Giovani da Oscar

Magnus Carlsen ha aggiunto un altro Oscar (degli scacchi) alla sua collezione di trofei. E non virtuale. Per il secondo anno di fila una giuria internazionale composta da 111 giornalisti di settore ha attribuito il premio, istituito dalla rivista russa “64”, al norvegese…

I nostri Alfieri

Nella graduatoria dei primi cento del pianeta solo due sono “meno giovani” di lui, eppure Boris Gelfand, classe 1968, ha eliminato tutti i ragazzi di belle speranze che si è trovato di fronte ed ha conquistato il diritto di sfidare Vishy Anand per il titolo di campione del mondo…

Estate rovente

Le star degli scacchi, o almeno alcune di loro, stanno per tornare a incrociare le armi dopo mesi di vacanza più o meno forzata, dovuta alla cancellazione dal calendario, nel 2011, di eventi quali i supertornei di Linares e di Sofia. Fra i big che appaiono più smaniosi di misurarsi di nuovo con avversari di pari grado, per la gioia dei tifosi azzurri, figura il campione italiano Fabiano Caruana…

Judit for president

Non vi piacerebbe avere come presidente della Fide una persona con più di vent’anni di esperienza ai massimi livelli dello scacchismo internazionale, ma con una faccia giovane e pulita, una competenza mostruosa, l’abitudine ad essere ricevuta ai più alti livelli politici e diplomatici (è stata testimonial culturale del suo paese quando l’Ungheria è entrata a far parte dell’Unione Europea)…

Cento di questi open

Sembra che, almeno nel futuro più prossimo, per vedere all’opera i migliori giocatori del pianeta bisognerà sperare che qualche organizzatore decida di invitarli a uno dei forti open che si svolgono nel corso dell’anno…

Daniele e Viktor

L’Olanda porta bene a Vocaturo! Solo due mesi fa Daniele aveva concluso nel quintetto dei vincitori al torneo di Hoogeveen (insieme ad Alessandro Bonafede, che aveva realizzato la norma di grande maestro) e ora questo successo al torneo Tata Steel C di Wijk aan Zee, sicuramente il più prestigioso nella carriera del grande maestro romano…