MS: on line il numero 1020

E’ on line il numero 1020 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – CANDIDATI: SI RIPARTE L’1 NOVEMBRE A EKATERINBURG, TBILISI SEDE DI RISERVA
2 – TRIESTE: IL FRANCESE MAXIME LAGARDE RISPETTA IL PRONOSTICO, MORONI SECONDO
3 – LINARES: PRIMO TITOLO SPAGNOLO PER ANTON GUIJARRO, SHIROV BEFFATO NEL FINALE
4 – PILSEN: DECIMO TITOLO PER NAVARA NEL CAMPIONATO DELLA REPUBBLICA CECA
5 – LA MOLDAVIA PIANGE DMITRY SVETUSHKIN, NEL 2011 AVEVA TRIONFATO A IMPERIA
6 – CATTOLICA: LO SVIZZERO STUDER DOMINA IL FESTIVAL, DAVID TERZO E BASSO SESTO
7 – FLORESTA: IL CATANESE SANTAGATI RISPETTA IL PRONOSTICO AL PARCO DEI NEBRODI

CANDIDATI: SI RIPARTE L’1 NOVEMBRE A EKATERINBURG, TBILISI SEDE DI RISERVA
Ripartirà il 1° novembre, a Ekaterinburg (Russia), il torneo dei candidati, interrotto lo scorso marzo a causa dell’emergenza Covid-19 dopo 7 dei 14 turni in programma. La seconda parte dell’evento, di fatto, si concluderà un mese prima rispetto a quando avrebbe dovuto aver luogo il match per il titolo mondiale, che a causa della pandemia mondiale, è slittato a propria volta al 2021 (la sede sarà Dubai, nell’ambito dell’Expo).
«Dopo aver consultato i giocatori e gli organizzatori, la Fide è lieta di annunciare la ripresa del torneo dei candidati», ha annunciato la stessa Federazione sul proprio sito. «Secondo il contratto Ekaterinburg, la città che ha organizzato i primi sette turni del torneo dei candidati al massimo livello nel marzo 2020, è ancora la città ospitante». Questa volta, però, esiste già un piano B in caso di imprevisti: «Considerata la situazione epidemiologica, la Fide ha designato una sede di riserva: la città di Tbilisi, in Georgia, è stata ufficialmente approvata come alternativa, ed è pronta ad ospitare il torneo nello stesso lasso di tempo. Siamo anche in contatto con altre potenziali città ospitanti di diversi Paesi in cui l’evento potrebbe essere spostato, nel caso in cui ulteriori restrizioni dovessero ripresentarsi in Russia e Georgia».
Il torneo riprenderà quindi, sicuramente, il 1° novembre, con Maxime Vachier-Lagrave e Ian Nepomniachtchi in testa a quota 4,5 su 7 e gli inseguitori più ravvicinati a 3,5. L’ottavo turno prevede gli incontri Caruana-Vachier-Lagrave, Nepomniachtchi-Giri, Wang-Ding e Alekseenko-Grischuk.
Sito ufficiale: https://www.fide.com/

TRIESTE: IL FRANCESE MAXIME LAGARDE RISPETTA IL PRONOSTICO, MORONI SECONDO
Il GM francese Maxime Lagarde si è aggiudicato la 22ª edizione del festival internazionale di Trieste, disputata dal 29 agosto al 5 settembre. Lagarde, numero uno del tabellone dall’alto dei suoi 2657 punti Elo, ha concluso solitario e imbattuto in vetta con 7,5 punti su 9, precedendo di mezza lunghezza il GM brianzolo Luca Moroni e di una il GM spagnolo Oleg Korneev e il GM bergamasco Sabino Brunello; quinto in solitaria a quota 6 il GM croato Marin Bosiocic, numero due di tabellone. Bene le ragazze in gara: la ventiseienne GMf bergamasca Marina Brunello ha colto un buon settimo posto a 5,5, mentre la ventunenne GMf slovena Laura Unuk, con 5 punti, ha conquistato la sua prima norma di MI assoluto; a 5 ha chiuso anche la diciassettenne MFf torinese Marianna Raccanello, che ha sfiorato la norma di maestro. Un’altra slovena, la diciannovenne Spela Markocic, ha dominato invece il torneo secondario (il tradizionale trofeo Polojaz) con 7,5 su 9, staccando di mezza lunghezza il favorito CM milanese Alessandro Bossi e il francese Philippe Chauveau.
L’evento è stato il secondo più forte disputato dopo la ripartenza post-covid (unicamente alle spalle di Spilimbergo), con gli organizzatori della Società Scacchistica Triestina 1904 che, tra gli altri titolati, hanno invitato anche le due giocatrici ai vertici della graduatoria nazionale (Olga Zimina e la già citata Brunello), nonché il campione italiano under 20 Gabriele Lumachi, infine decimo a 5,5. Moroni, i due Brunello e Olga Zimina hanno detto di essersi abituati abbastanza rapidamente a giocare con la mascherina, sottolineando come fosse importante per loro riprendere l’attività, dopo la ruggine accumulata in questi mesi.
Per tutti e 74 i giocatori al via (sette i Paesi rappresentati), fra i quali sette GM e quattro MI, la rigorosa applicazione del protocollo anti-covid è stata alleviata dalla soluzione della divisoria in plexiglas su tutti i tavoli, che ha permesso di far cadere l’obbligo della visiera (non ovviamente quello della mascherina). Anche l’imminente Open del Salento, che si svolgerà a Gallipoli dal 19 al 26 settembre, ha annunciato l’impiego di trenta separatori in plexiglas che dovrebbero bastare per quasi tutti i tavoli previsti.
Risultati: http://vesus.org/
Classifiche finali
Master: 1° Lagarde 7,5 punti su 9; 2° Moroni 7; 3°-4° Korneev, S. Brunello 6,5; 5° Bosiocic 6; 6°-10° Maerevoet, M. Brunello, Jovanic, Podetti, Lumachi 5,5; 11ª-15ª Unuk, Tratar, Gilevych, Debevec, Raccanello 5; ecc.
Torneo B: 1ª Markocic 7,5 punti su 9; 2°-3° Bossi, Chauveau 7; 4° Bradac 6,5; 5°-6° Buzzatti, Riccobon 6; 7ª-11° Gruden, Pozzi, Akhmedov, Fabjam, Chiarandini 5,5; ecc.

LINARES: PRIMO TITOLO SPAGNOLO PER ANTON GUIJARRO, SHIROV BEFFATO NEL FINALE
Il GM David Anton Guijarro si è aggiudicato l’edizione 2020 del campionato spagnolo, disputata a Linares dal 31 agosto all’8 settembre. Anton Guijarro, favorito della vigilia, si è aggiudicato il suo primo titolo nazionale sul filo del rasoio, superando per spareggio tecnico il connazionale GM Jaime Santos Latasa che, come lui, aveva totalizzato 7,5 punti su 9. A mezza lunghezza di distanza, il GM Ivan Salgado Lopez, il GM Alexei Shirov e il MI Andres Merario Alarcon hanno spartito il terzo posto a 7. Il pluricampione spagnolo Shirov, che difendeva il suo ultimo titolo conquistato lo scorso anno a Marbella, non è riuscito nell’impresa a causa della sconfitta subita all’ultimo turno per mano di Santos Latasa.
Al torneo hanno preso parte 139 giocatori (tra cui dodici grandi maestri e sedici maestri internazionali). Prima dell’inizio del torneo, durante lo svolgimento del campionato a squadre che si è disputato nella stessa sede, due giocatori sono risultati positivi al Coronavirus e messi in quarantena. Con una veloce ricerca tra i contatti stretti, altre dodici persone sono state messe in sicurezza nelle proprie stanze. Nonostante la situazione piuttosto insolita, dei 146 giocatori previsti ai nastri di partenza prima dell’inizio del torneo, sono stati pochi quelli che hanno deciso di ritirarsi dalla gara.
Risultati: https://info64.org/ce-individual-absoluto-y-femenino/standings
Classifica finale: 1°-2° Anton Gujarro, Santos Latasa 7,5 punti su 9; 3°-5° Salgado Lopez, Shirov, Merario Alacorn 7; 6°-12° Perez Candelario, Alsina Leal, Martin Duque, Gines Esteo, Linaes Garcia, Tejedor Fuente, Lin 6,5; ecc.

PILSEN: DECIMO TITOLO PER NAVARA NEL CAMPIONATO DELLA REPUBBLICA CECA
A distanza di sedici anni dal primo, David Navara ha vinto il suo decimo titolo nazionale nell’edizione 2020 del campionato open della Repubblica Ceca, disputata dal 23 al 31 agosto a Pilsen (città che, fra l’altro, dà il nome a una nota marca di birra). Favorito della vigilia, Navara è stato all’altezza del suo status e ha concluso solitario e imbattuto con 7,5 punti su 9, staccando di mezza lunghezza Viktor Láznička e di una un gruppo di cinque giocatori composto da Zbyněk Hráček (bronzo), Jiří Štoček, Thai Dai Van Nguyen, Milan Orság e Daniel Šorm. «Sono contento di essere riuscito a vincere il torneo. Forse ho giocato un po’ meglio degli altri, ma non di molto, più come un primo tra pari», ha commentato il pluri-campione con la sua abituale modestia.
Navara ha attraversato un momento difficile solamente all’ottavo turno, quando ha dovuto difendere una posizione inferiore contro Štoček, vincitore dello Czech Open 2019, ma è riuscito a neutralizzare la pressione dell’avversario. È stato uno dei tre pareggi di Navara nel corso dell’intero torneo – gli altri due sono stati con Hráček e Láznička.
Prima dell’ultimo turno, Navara aveva mezzo punto di vantaggio su cinque giocatori e vincendo a forfait (sigh) con il MI Karel Malinovsky si è assicurato il titolo. Degli inseguitori, solo Láznička ha messo a segno una vittoria, conquistando l’argento. Un giovane prodigio, il MF Václav Finěk di soli 10 anni (!), ha realizzato una buona prestazione e si è classificato 14° a 5,5, lasciandosi alle spalle giocatori quali i GM Peter Michalík e Pavel Šimáček. Alla competizione hanno preso parte in totale settantasei giocatori, fra i quali nove GM, quattro MI e diciannove MF.
Risultati: https://chess-results.com/tnr528358.aspx
Classifica finale: 1° Navara 7,5 punti su 9; 2° Laznicka 7; 3°-7° Hráček, Štoček, T. D. V. Nguyen, Orság, Šorm 6,5; 8°-11° Malinovský, Kožúšek, Havelka, Říha 6; ecc.

LA MOLDAVIA PIANGE DMITRY SVETUSHKIN, NEL 2011 AVEVA TRIONFATO A IMPERIA
Uno dei più forti giocatori moldavi, il GM Dmitry Svetushkin, è scomparso prematuramente lo scorso 4 settembre all’età di 40 anni. Nato il 25 luglio 1980, grande maestro dal 2002 e campione nazionale nel 2010, Svetushkin era membro permanente della squadra nazionale moldava e, alle Olimpiadi del 2014, aveva realizzato una performance di 2809, la quarta migliore in seconda scacchiera. Forte giocatore, con molte idee d’apertura originali e una profonda comprensione della posizione, era una figura chiave nel panorama scacchistico moldavo e aveva raggiunto il suo picco Elo di 2621 nel novembre 2011, proprio l’anno in cui, un paio di mesi prima, aveva vinto in Italia il festival internazionale di Imperia.
Svetushkin era fra l’altro un allenatore di successo, avendo lavorato con tutti i giovani giocatori più forti del suo Paese. Intellettuale con una vasta gamma di interessi, esperto di poesia, Dmitry era anche molto appassionato di sport e il triathlon era il suo preferito. L’intera comunità scacchistica è rimasta scioccata dalla tragica notizia.

CATTOLICA: LO SVIZZERO STUDER DOMINA IL FESTIVAL, DAVID TERZO E BASSO SESTO
Il GM svizzero Noel Studer ha dominato la settima edizione del festival internazionale di Cattolica, disputata dal 31 agosto all’8 settembre. Studer, che partiva con il numero due di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con 8 punti su 9, collezionando una serie di sette vittorie consecutive, prima di pareggiare agli ultimi due turni con il 14enne MI indiano Leon Luke Mendonca e con il GM trevigiano Pier Luigi Basso, favorito della vigilia. Alle spalle del vincitore, il MI francese Pierre Bailet il GM milanese Alberto David hanno spartito il secondo posto a quota 6,5: entrambi hanno subito un’unica battuta d’arresto, contro Studer, rispettivamente al settimo e al sesto turno. Non è invece andato oltre il quarto posto (6° per spareggio tecnico), nel gruppo a 6 guidato dal MF greco Christos Krallis, il già citato Basso.
Nell’open B il modenese Samuele Mammi (classe 2006) si è imposto in solitaria con 6 punti su 7 e un’unica sconfitta, al secondo turno con il trevigiano Giorgio Saviane (classe 2006); staccati di mezza lunghezza il vicentino Marco Vitaliani (classe 2003) e il bellunese Davide Frescura (classe 2006), che hanno spartito il secondo posto a quota 5,5.
Infine, Mirko Tagliaferri ha vinto al fotofinish l’open C, dove ha superato per spareggio tecnico il perugino Matteo Viti (classe 2010) che, come lui, aveva totalizzato 6 punti su 7. La romana Chiara Di Maulo (classe 2004) e il vicentino Alberto Bonetti (classe 2010) hanno spartito il terzo posto a quota 5.
Al torneo hanno preso parte in totale 120 giocatori, provenienti da dodici Paesi diversi, tra cui sei GM e due MI nell’open principale.
Risultati: http://chess-results.com/tnr519049.aspx
Classifiche finali
Open A: 1° Studer 8 punti su 9; 2°-3° Bailet, David 6,5; 4°-8° Krallis, J. M. Degraeve, Basso, Van Foreest, Palozza 6; 9°-13° Kasioumis, Solomon, Mendonca, Gallana, Orfini 5,5; ecc.
Open B: 1° Mammi 6 punti su 7; 2°-3° Vitaliani, Frescura 5,5; 4°-7° Beliman, Ismayilov, Marani, D’Agostino 5; 8°-13° Saviane, Righi, Dallaglio, V. Tagliaferri, Giovannini, Urbani 4,5; ecc.
Open C: 1°-2° Tagliaferri, Viti 6 punti su 7; 3^-4° Di Maulo, Bonetti 5; 5°-7° Frusteri, Pin, Catalano 4,5; ecc.

FLORESTA: IL CATANESE SANTAGATI RISPETTA IL PRONOSTICO AL PARCO DEI NEBRODI
Il MF catanese Alessandro Santagati ha vinto la prima edizione del festival “Floresta Parco dei Nebrodi”, disputato a Floresta (Messina) dal 3 al 6 settembre. Santagati, favorito della vigilia, ha rispettato i pronostici piazzandosi al primo posto in solitaria e imbattuto con 5,5 punti su 7, pareggiando al quarto, sesto e settimo turno rispettivamente con il messinese Gaetano Milone, con il MI filippino Virgilio Vuelban e con un altro messinese, Davide Gelardi. Dietro di loro, il CM catanese Pietro Pisacane si è piazzato secondo a 5 dopo aver superato per spareggio tecnico i già citati Milone e Vuelban.
Nell’open B, il palermitano Marco Miosi (classe 2005) ha vinto a sorpresa piazzandosi al primo posto in solitaria con 6 punti su 7: numero quattordici di tabellone su diciotto partecipanti, ha infilato una serie di quattro vittorie, prima di essere fermato al quinto turno dal palermitano Vittorio Cinà (classe 2007), per poi proseguire con altre due vittorie. Sul secondo gradino del podio è salito il palermitano Marco Bianchi (classe 2007) a quota 5,5, mentre il già citato Cinà, che partiva come favorito della vigilia, si è aggiudicato il bronzo a 5, penalizzato dalla sconfitta al penultimo turno con lo stesso Bianchi.
Il palermitano Giovanni D’Angelo si è imposto nell’open C con 6,5 punti su 7, staccando di una lunghezza e mezza il suo inseguitore più ravvicinato, il catanese Lucio Contarino, e di due lunghezze il trapanese Davide Montalto (classe 2008) e il messinese Stefano Arrigo, che hanno spartito il terzo posto.
L’open D è stato vinto infine dal palermitano Marcello La Barbera (classe 2006), che l’ha spuntata per spareggio tecnico sul messinese Massimiliano Borrello dopo che entrambi avevano totalizzato 6 punti su 7; terza a 5 la messinese Chiara Cambria (classe 2008). Alla manifestazione hanno preso parte in totale sessanta giocatori, tra cui un maestro internazionale e un maestro Fide nel torneo principale.
Risultati: http://vesus.org/
Classifiche finali
Open A: 1° A. Santagati 5,5 punti su 5; 2°-4° Pisacane, Milone, Vuelban 4,5; 5°-7° Grasso, Gelardi, Cino 4; 8°-9° Celentano, Bonanzinga 3; ecc.
Open B: 1° M. Miosi 6 punti su 7; 2° Bianchi 5,5; 3° Cinà 5; 4° Ganci 4,5; 5°-8° Rota, Stancanelli, Romeo, D. Maresco 4; 9°-13° Salvato, Nobile, Furnari, F. Zangla, Sileci 3,5; ecc.
Open C: 1° D’Angelo 6,5 punti su 7; 2° Contarino 5; 3°-4° D. Montalto, Arrigo 4,5; 5°-8° Franceschino, F. Montalto, Ganci, Fasino 4; 9^ G. Maresco 3,5; ecc.
Open D: 1°-2° La Barbera, Borrello 6 punti su 7; 3^ Cambria 5; 4°-6° V. Bonaccorso, S. Santagati, Corsaro 4; 7°-8° M. Bonaccorso, Minniti 3,5; 9°-11° Iacono, G. Zangla, Di Giovanni 3; ecc.

Lascia un Commento