MS: on line il numero 966

E’ on line il numero 966 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – IMSA WORLD MASTERS: ORO PER KOROBOV, KOSTENIUK (RAPID), BU E LEI (BLITZ)
2 – VARSAVIA (POLONIA): PRIMO TITOLO NAZIONALE PER KAMIL DRAGUN, RAJLICH REGINA
3 – XINGHUA: TOP PLAYER ASSENTI NEL CAMPIONATO CINESE, DOMINA SHANGLEI LU
4 – SOCHI (RUSSIA): IL BIELORUSSO KIRILL STUPAK LA SPUNTA NELL’OPEN ARCHIBALD
5 – SAINT LOUIS (USA): L’UCRAINO SHTEMBULIAK LA SPUNTA NEL “NORM CONGRESS”
6 – VARESE: IL MILANESE BOSSI A PUNTEGGIO PIENO NEL MEMORIAL FRANCESCO MONDINI

IMSA WORLD MASTERS: ORO PER KOROBOV, KOSTENIUK (RAPID), BU E LEI (BLITZ)
Gli “Imsa world masters” sono una sorta di Olimpiade “alternativa” che comprende tutti gli sport che coinvolgono la mente prima del corpo. La IMSA (International Mind Sport Games) lavora da anni affinché discipline come gli scacchi vengano ammessi alle Olimpiadi tradizionali insieme ad altri sport. Ogni anno, insieme alla Fide, la IMSA organizza anche un evento di scacchi, che quest’anno si è disputato a Hengshui, in Cina, dal 14 al 21 maggio; ai nastri di partenza, come sempre, c’erano alcuni tra i più forti giocatori al mondo, sia uomini che donne (sedici gli uni e sedici le altre), che si sono affrontati in due tornei, uno rapid e l’altro blitz.
Il torneo rapid, con cadenza di 15 minuti più 10 secondi per mossa, ha visto trionfare tra gli uomini l’ucraino Anton Korobov, numero quattro di tabellone, che ha totalizzato 8,5 punti su 11 senza perdere neppure una partita; secondi a 7 il vietnamita Quang Liem Le e lo statunitense Leinier Dominguez, quarto a 6,5 il GM russo Vladimir Fedoseev. Piuttosto deludente la prova del favorito superGM cinese Hao Wang: addirittura ultimo dopo nove turni, ha risalito un po’ la china grazie a due vittorie conclusive, ma non è comunque riuscito ad andare oltre il dodicesimo posto a quota 5. Grazie al suo successo Korobov è balzato al settimo posto nella graduatoria mondiale rapid (a 2804).
Nel blitz l’ucraino ha provato a fare il bis, ma a negarglielo è stato il cinese Xiangzhi Bu, che, pur avendo il rating lampo più basso fra tutti i partecipanti, l’ha spuntata con 14,5 punti su 22 (sono stati giocati undici turni con partite di andata a ritorno), staccando di un’intera lunghezza Korobov e di una e mezza l’ungherese Richard Rapport e il russo Dmitry Andreikin, favorito della vigilia; quinto a 12,5 un altro ungherese, Peter Leko.
Fra le donne la vera protagonista della competizione è stata la russa ed ex campionessa del mondo Alexandra Kosteniuk: prima in solitaria con 8 su 11 nel rapid davanti alla connazionale Valentina Gunina (argento a 7), nel blitz è stata superata solo per spareggio tecnico dalla cinese Tinjie Lei, favorita in entrambi i tornei, dopo che tutte e due avevano totalizzato 15 punti su 22.
Risultati: http://chess-results.com/tnr429719.aspx
Classifiche finali
Rapid maschile: 1° Korobov 8,5 punti su 11; 2°-3° Le, Dominguez 7; 4° Fedoseev 6,5; 5°-6° Yu, Vidit 6; 7° Andreikin 5,5; 8°-12° Ponomariov, Cheparinov, Rapport, Bu, H. Wang 5; ecc.
Rapid femminile: 1ª Kosteniuk 8 punti su 11; 2ª Gunina 7; 3ª-4ª M. Muzychuk, Tan 6,5; 5ª-6ª Bodnaruk, X, Zhao 6; 7ª-10ª Abdumalik, Stefanova, Dzagnidze, Paehtz 5,5; 11ª-12ª Lei, Ushenina 5; ecc.
Blitz maschile: 1° Bu 14,5 punti su 22; 2° Korobov 13,5; 3°-4° Rapport, Andreikin 13; 5° Leko 12,5; 6° H. Wang 12; 7°-8° Vidit, Ponomariov 11,5; 9°-11° Gelfand, Yu, Fedoseev 10,5; 12° Dominguez 10 ecc.
Blitz femminile: 1ª-2ª Lei, Kosteniuk 15 punti su 22; 3ª Tan 13,5; 4ª Koneru 13; 4ª Kosteinuk 19; 5ª Krush 12; 6ª-7ª Harika, Abdumalik 11,5; 8ª Ushenina 10,5; 9ª-12ª Gunina, Dzagnidze, Stefanova, Paethz 10; ecc.

VARSAVIA (POLONIA): PRIMO TITOLO NAZIONALE PER KAMIL DRAGUN, RAJLICH REGINA
Il GM Kamil Dragun si è aggiudicato l’edizione 2019 del campionato polacco, disputata a Varsavia dall’11 al 19 maggio. Dragun, numero sei di tabellone, l’ha spuntata con 6 punti su 9 al termine di un torneo piuttosto equilibrato, staccando di mezza lunghezza il favorito GM Kacper Piorun, fermato da una patta di troppo, e di una i GM Bartosz Socko, Mateusz Bartel e Grzegorz Gajewski. A quota 4,5 hanno chiuso il GM Jacek Tomczak, numero due di tabellone, e il 19enne MI Igor Janik, ultimo in ordine di rating. La competizione aveva un rating medio di 2575 (13ª categoria Fide).
Nel parallelo campionato femminile la MI Iweta Rajlich, numero quattro di tabellone, ha vinto con un più perentorio 7 su 9, lasciandosi alle spalle la favorita GM Monika Socko (seconda a 6) e la GMf Jolanta Zawadzka (terza a 5,5). Per Dragun si tratta del primo titolo assoluto, per Rajlich del quarto femminile (dopo quelli del 2007, 2009 e 2012).
Sito ufficiale: https://www.chessmanager.com/pl/tournaments/5634083424043008
Classifica finale assoluto: 1° Dragun 7 punti su 9; 2° Piorun 5,5; 3°-5° B. Socko, Bartel, Gajewski 5; 6°-7° Tomczak, Janik 4,5; 8° Gumularz 4; 9° Sadzikowski 3,5; 10° Heberla 2

XINGHUA: TOP PLAYER ASSENTI NEL CAMPIONATO CINESE, DOMINA SHANGLEI LU
Il campionato nazionale sembra aver perso del tutto appeal per i top player cinesi. Al punto che, all’edizione 2019 (Xinghua, 11-22 maggio), non solo erano assenti tutti gli over 2700 (alcuni giustificati), ma non era presente neppure un giocatore della top ten dell’armata di Pechino in lista Fide. E così la competizione aveva un rating medio di 2539 (12ª categoria Fide), ben poco se si considera che la Cina è la terza forza nella graduatoria mondiale per nazioni con un Elo di 2710 (dei suoi top ten, appunto). Sia come sia, a conquistare con pieno merito il titolo di campione cinese 2019 è stato il GM Shanglei Lu, che si è imposto con un perentorio 8,5 su 11 (imbattuto) e una performance di 2746, staccando di ben una lunghezza e mezza il favorito GM Jun Zhao e il GM Jinshi Bai, entrambi con quattro vittorie e una sconfitta nel ruolino di marcia; quarto in solitaria a 6,5 il GM Yinglun Xu.
Un po’ meno disertato il campionato femminile (Elo medio 2323): non c’erano, è vero, le varie Hou, Ju, Tan, Lei e Zhao, ma erano presenti sei giocatrici della top 14 (eccetto le prime cinque appena citate) e il torneo è stato piuttosto combattuto. Alla fine la 17enne MIf Jiner Zhu, terza in ordine di rating, si è imposta anche lei con 8,5 punti su 11, lasciandosi alle spalle la MFf Yiyi Xiao (seconda a 8) e la MI Qi Guo (terza a 7).
Risultati: http://chess-results.com/tnr439534.aspxhttp://chess-results.com/tnr439540.aspx
Classifica finale assoluto: 1° Lu 8,5 punti su 11; 2°-3° J. Zhao, Bai 7; 4° Yin. Xu 6,5; 5° X. Xu 6; 6°-8° Peng, Liu, Wen 5,5; 9° Y. Zhao 4,5; 10° J. Xu 4; 11° Yi Xu 3,5; 12° S. Li 2,5

SOCHI (RUSSIA): IL BIELORUSSO KIRILL STUPAK LA SPUNTA NELL’OPEN ARCHIBALD
Il GM bielorusso Kirill Stupak ha vinto al fotofinish la prima edizione dell’open Archibald, disputata a Sochi (Russia) dal 12 al 19 maggio. Stupak, numero undici di tabellone, si è imposto dopo aver superato 1,5-0,5 il GM ucraino Stanislav Bogdanovich agli spareggi rapid; entrambi, infatti, avevano concluso il torneo a quota 7, pareggiando lo scontro diretto dell’ultimo turno. Sul terzo gradino del podio è salito il GM russo Evgeny Alekseev, alla guida di un terzetto a 6,5 composto anche dal GM Andrey Esipenko, anche lui russo, e dal GM bielorusso Aleksej Aleksandrov. Solo nono alla guida del gruppo a 5,5 ha concluso il GM lettone Igor Kovalenko, che partiva come favorito della vigilia, ma è stato rallentato nella corsa al primo posto dalle tre sconfitte subite per mano di Alekseev (al quarto turno), del MF moldavo Ilie Martinovici (al sesto) e del GM spagnolo Oleg Korneev (al settimo).
Kovalenko ha, però, vinto il primo torneo lampo disputato il 12, imponendosi con un perfetto 9 su 9, staccando di due intere lunghezze il suo avversario più diretto, il GM russo Maxim Lugovskot, e di due lunghezze e mezzo il candidato maestro russo Vladimir Mikhailovsky. Il secondo torneo lampo, il 18 maggio, è stato vinto invece con 6,5 punti su 9 dal MI russo Zhamsaran Tsydypov, che ha superato per spareggio tecnico il connazionale GM Maxim Lugovskoy.
Al torneo a cadenza classica hanno preso parte cinquantadue giocatori, provenienti da undici Paesi diversi, tra cui sedici GM e otto MI.
Risultati: http://chess-results.com/tnr422736.aspx
Classifica finale: 1°-2° Stupak, Bogdanovich 7 punti su 9; 3°-5° Alekseev, Esipenko, Aleksandrov 6,5; 6°-8° Khalifman, Tsydypov, Korneev 6; 9°-13° Kovalenko, Volkov, Rakhmanov, Makoveev, Bocharov 5,5; ecc.

SAINT LOUIS (USA): L’UCRAINO SHTEMBULIAK LA SPUNTA NEL “NORM CONGRESS”
Il GM ucraino Evgeny Shtembuliak ha dominato l’edizione 2019 del “Saint Louis Norm Congress”, disputato nella capitale statunitense degli scacchi dal 16 al 21 maggio. Shtembuliak si è imposto con 7 punti su 9, ma si è aggiudicato il primo premio solo dopo aver sconfitto per 2-1 in uno spareggio il GM ungherese Denes Boros, che aveva ottenuto il suo stesso punteggio. Le prime due partite dello spareggio erano terminate con una vittoria a testa e Shtembuliak l’ha spuntata con il Bianco nella terza partita. Sul terzo gradino del podio a 5,5 è salito il MI statunitense Justin Wang, che ha perso solo al primo turno con Boros. Il torneo era di nona categoria Fide (media Elo 2453).
Nel parallelo gruppo MI (rating medio 2314) il MI statunitense Keaton Kiewra si è imposto con 6,5 punti su 9, staccando di mezza lunghezza il MI messicano Luis Carlos Torres Rosas e di una il MF indiano Shankar Gauri e il connazionale MI Eric Rosen.
Risultati: https://www.uschesschamps.com/
Classifica finale: 1°-2° Shtembuliak, Boros 7 punti su 9; 3° Wang 5,5; 4°-5° Ali Marandi, Banawa 4,5; 6°-8° Escalante Ramirez, Hong, Abrahamyan 4; 9° Jacobson 3,5; 10° Korley 1

VARESE: IL MILANESE BOSSI A PUNTEGGIO PIENO NEL MEMORIAL FRANCESCO MONDINI
Il CM milanese Alessandro Bossi ha vinto la seconda edizione del Memorial Mondini, disputata a Cocquio-Trevisago (Varese) dal 17 al 19 maggio e organizzata dal locale circolo “Esteban Canal”. Francesco Mondini, figura di riferimento per lo scacchismo giovanile in Lombardia (e non solo) e a lungo vicepresidente del comitato regionale, è venuto a mancare il 14 dicembre 2016.
Bossi, che partiva con il numero tre di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con un perfetto 5 su 5, vincendo tra gli altri con i più quotati MF Felix Stips (Varese) e Simone Medici (Svizzera) rispettivamente al quarto e al quinto turno. Dietro di lui Stips, che partiva come favorito della vigilia, si è piazzato secondo a quota 4. Medici, invece, si è aggiudicato il bronzo alla guida del gruppo a 3,5, composto anche dal vercellese Stefano Cerri e dal varesotto Alfredo Alessandrini. Al torneo hanno preso parte 22 giocatori, provenienti da Italia e Svizzera, tra cui due maestri Fide.
Risultati: http://vesus.org/results/2deg-memorial-francesco-mondini/standing/
Classifica finale: 1° Bossi 5 punti su 5; 2° Stips 4; 3°-5° Medici, Cerri, Alessandrini 3,5; 6°-9° Brioschi, Giovannini, Rodolfo Masera, Calabria 3; ecc.

Lascia un Commento