MS: on line il numero 921

E’ on line il numero 921 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – L’AVANA (CUBA): SUPER-SHANKLAND TRIONFA ANCHE NEL MEMORIAL CAPABLANCA
2 – VARSAVIA: DUDA VINCE ALLO SPRINT IL CAMPIONATO POLACCO DAVANTI A PIORUN
3 – SAINT LOUIS (USA): L’AZERBAIGIANO DURARBAYLI RE DELLA CLASSICA D’ESTATE
4 – CALCUTTA (INDIA): NARAYANAN LA SPUNTA SU DEEPAN NELL’OPEN, SHORT TERZO
5 – LLUCMAJOR (SPAGNA): SANTOS LATASA PRIMO PER SPAREGGIO SU FEDORCHUK
6 – MAASTRICHT (OLANDA): ERNST VINCE LA VOLATA DI GRUPPO NELL’OPEN LIMBURG
7 – FOZ DO IGUACU: MARECO RISPETTA IL PRONOSTICO NELL’OPEN DEL BRASILE
8 – OLANESTI: CAMPIONATO RUMENO, PRIMI TITOLI PER GEORGESCU E BULMAGA

L’AVANA (CUBA): SUPER-SHANKLAND TRIONFA ANCHE NEL MEMORIAL CAPABLANCA
Due settimane dopo aver dominato a sorpresa il forte campionato Usa, Sam Shankland ha vinto un altro torneo di gloriosa tradizione: il Memorial Capablanca a L’Avana, Cuba (9-19 maggio). Il GM californiano si è imposto imbattuto con 7,5 punti su 10 e una performance di 2829 in un evento di 16 categoria Fide (media Elo 2644), facendo per la prima volta il suo ingresso nella top 30 mondiale a 2717 nel live rating.
La prima edizione del Memorial Capablanca ebbe luogo nel 1962. Uno dei fondatori dell’evento fu niente di meno che Che Guevara, grande fan degli scacchi. La quarta edizione, nel 1965, è passata alla storia per la partecipazione di Bobby Fischer, che giocò le sue partite via telex dal Marshall Chess Club di New York, dopo che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non gli aveva concesso il visto per Cuba. In questo evento di 21 turni Fischer si piazzò secondo ex aequo con Ivkov e Geller, alle spalle del solo Smyslov. In seguito è diventato più facile per gli americani viaggiare a Cuba, ma il torneo non era mai stato vinto da un giocatore statunitense prima di quest’anno.
Il “Gruppo élite” della 53ª edizione era un torneo a sei giocatori, disputato con la formula del doppio girone all’italiana. Shankland era l’unico over 2700 e dunque il favorito, ma ha comunque ottenuto un risultato migliore del previsto: ha vinto cinque partite, ne ha pareggiate altrettante e non ne ha persa alcuna. Dopo aver pareggiato all’esordio con il russo Aleksandr Rakhmanov, Shankland ha vinto col Nero contro il cubano Lazaro Bruzon, che non era in forma e alla fine ha chiuso in ultima posizione a il 3,5 insieme all’altro giocatore di casa, Yusnel Bacallao, sconfitto a propria volta dal vincitore al quinto turno. Al giro di boa, Shankland ha scherzato su Facebook: «Spero di essere invitato anche l’anno prossimo, ma battere i 2 cubani e pattare con gli altri tre stranieri potrebbe non essere stata la migliore strategia per ottenere questo obiettivo».
Dopo nove turni Shankland aveva un punto in più del russo Alexey Dreev e ha infine trionfato con un margine di 1,5 punti, perché ha concluso con una vittoria, mentre il suo diretto inseguitore ha pattato. Sul terzo gradino del podio a 5,5 è salito lo spagnolo David Anton Guijarro, quarto a 4 Rakhmanov. L’ultimo turno è iniziato dopo un momento di silenzio per le vittime del disastro aereo che era avvenuto poco prima, lo stesso giorno, vicino all’aeroporto di L’Avana.
Come al solito in parallelo al torneo élite è stato disputato un open: qui il GM peruviano Christian Cruz, numero due di tabellone, l’ha spuntata con 7,5 punti su 9, superando per spareggio tecnico i cubani Lelys Martinez e Camilo Gomez, lo spagnolo Jose Cuenca e il canadese Bator Sambuev. Cruz ha così acquisito il diritto di giocare fra i big nel 2019.
Risultati: http://chess-results.com/tnr351016.aspx
Classifica finale: 1° Shankland 7,5 punti su 10; 2° Dreev 6; 3° Anton Guijarro 5,5; 4° Rakhmanov 4; 5°-6° Bruzon, Bacallao 3,5

VARSAVIA: DUDA VINCE ALLO SPRINT IL CAMPIONATO POLACCO DAVANTI A PIORUN
Il ventenne Jan-Krzysztof Duda si è aggiudicato l’edizione 2018 del campionato polacco, disputata a Varsavia dal 12 al 20 maggio. La Polonia è al 10° posto nella classifica delle nazioni in graduatoria Fide e al campionato partecipavano gli unici due over 2700 del Paese, ovvero Radoslaw Wojtaszek (2750) e lo stesso Duda (2724). Malgrado ciò è stato il campione uscente Kacper Piorun a guidare il campionato per la maggior parte della sua durata; giunto a 5,5 su 7, però, Piorun ha perso lo scontro diretto con Duda, che era partito decisamente a rilento e, considerate le quattro patte iniziali, sembrava quasi impossibile pronosticare quale vincitore. La giovane star ha operato una splendida rimonta, vincendo quattro partite consecutive dal quinto all’ottavo turno, pareggiando l’ultima e totalizzando quindi 6,5 punti su 9; Piorun, per contro, dopo la battuta d’arresto col futuro campione, ha forzato un po’ troppo la mano nell’incontro finale nel vano tentativo di vincere e ha ottenuto il risultato opposto, piazzandosi comunque secondo a 5,5, a una lunghezza da Duda. Al terzo posto con 5 punti si è piazzato Jacek Tomczak, secondo nel 2017.
Decisamente insoddisfatto della propria prestazione è stato Wojtaszek: battuto da Duda e da Aleksander Mista, si è fermato a quota 4,5, insieme allo stesso Mista e al veterano del torneo Michal Krasenkow, che, al contrario, non hanno motivo di essere insoddisfatti dei loro risultati, dato che questo è stato il campionato polacco più forte di sempre (16 categoria Fide, media Elo 2630).
Fra le donne (media Elo 2345) la GMf Jolanta Zawadzka ha vinto il titolo sconfiggendo 1,5-0,5 in un tiebreak rapid la 25enne MIf Anna Warakomska, dopo che entrambe avevano chiuso a quota 6,5 su 9. Il mini-match è stato giocato immediatamente dopo la fine dell’ultimo turno e a Warakomska sarebbe bastato un pareggio per 1-1, dato che in tal caso il suo migliore spareggio tecnico le avrebbe assegnato il successo; è invece uscita battuta, permettendo a Zawadzka di conquistare il suo quarto titolo nazionale femminile. Il bronzo è andato alla 17 volte campionessa nazionale Monika Soćko, che all’ultimo turno non è andata oltre il pari contro Marta Bartel, moglie del GM Mateusz Bartel, chiudendo a 6.
Sito ufficiale: http://mp2018.pzszach.pl/
Classifica finale: 1° Duda 6,5 punti su 9; 2° Piorun 5,5; 3° Tomczak 5; 4°-6° Mista, Krasenkow, Wojtaszek 4,5; 7°-8° Gajewski, Bartel 4; 9° Socko 3,5; 10° Sadzikowski 3

SAINT LOUIS (USA): L’AZERBAIGIANO DURARBAYLI RE DELLA CLASSICA D’ESTATE
Il GM di azerbaigiano Vasif Durarbayli ha vinto l’edizione 2018 della Chess Classic d’Estate di Saint Louis, disputata nella capitale statunitense degli scacchi dall’15 al 23 maggio. Durarbayli era partito a razzo con 4 su 4 ed era rimasto da solo al comando fino a che, all’ottavo turno, non aveva perso con un GM di casa, Yaroslav Zherebukh, venendo raggiunto da Varuzhan Akobian; i due hanno infine chiuso alla pari con 6 punti su 9, ma Durarbayli ha superato 2-0 il suo rivale in uno spareggio a cadenza veloce giocato per decretare il vincitore. Sul terzo gradino del podio a 5,5 è salito un altro giocatore locale, il 17enne GM Samuel Sevian, mentre il GM statunitense Jeffery Xiong, anche lui statunitense e favorito della vigilia, si è dovuto accontentare del quarto posto a quota 4,5, insieme a Zherebukh e al GM olandese Benjamin Bok. La competizione aveva un rating medio di 2628 (16ª categoria Fide).
Nel torneo B (media Elo 2536), invece, il favorito GM polacco Kamil Dragun ha rispettato il pronostico, piazzandosi al primo posto in solitaria e imbattuto con 6,5 punti su 9. Sul secondo gradino del podio a 5,5 è salito il GM russo Andrey Stukopin, anche lui senza sconfitte, seguito dal GM armeno Robert Aghasaryan e dal GM turco Cemil Can Ali Marandi, terzi a quota 5.
Sito ufficiale: https://www.uschesschamps.com/2018-summer-chess-classic/overview
Classifica finale gruppo A: 1°-2° Durarbayli, Akobian 6 punti su 9; 3° Sevian 5,5; 4°-6° Xiong, Zherebukh, Bok 4,5; 7°-8° Prohaszka, Indjic 4; 9° Fridman 3,5; 10° Jumabayev 2,5

CALCUTTA (INDIA): NARAYANAN LA SPUNTA SU DEEPAN NELL’OPEN, SHORT TERZO
Il GM indiano Srinath Narayanan si è aggiudicato la terza edizione dell’open internazionale di Calcutta (India), disputata dal 14 al 22 maggio e organizzata dal GM Dibyendu Barua e dalla Fondazione Allsport. L’evento è uno tra i più forti organizzati in India e ha rappresentato l’ultimo torneo in veste di giocatore del GM inglese Nigel Short, prima che inizi la sua campagna elettorale in quanto candidato alla presidenza Fide. Narayanan, 24 anni, non è un professionista degli scacchi in senso stretto, ovvero solamente in qualità di giocatore: gestisce infatti una start-up che organizza tornei (due finora quest’anno e un terzo in programma a novembre). Ma questa attività non gli ha impedito di rimanere un agonista competitivo: «Bilanciare le due cose è impegnativo, ma non così difficile, dal momento che ne faccio una sola alla volta. Quindi le attività legate all’organizzazione di eventi di scacchi non interferiscono con la mia preparazione come giocatore», ha dichiarato Srinath, che a Calcutta ha concluso in vetta con 7,5 punti su 9, superando per spareggio tecnico il connazionale GM Chakravarthy Deepan.
Lungo il percorso Narayanan, numero 14 di tabellone, ha pattato tre partite e ha sconfitto fra gli altri i più quotati connazionali Abhijeet Gupta, Murali Karthikeyan e Deep Sengupta, il primo e il terzo con il Nero. All’ultimo turno gli bastava un pareggio per aggiudicarsi matematicamente il primo posto e lo ha ottenuto senza problemi contro il GM indiano Sundar Shyam. Alle spalle del duo di vetta, staccati di mezza lunghezza, hanno chiuso nell’ordine Short (favorito della vigilia), Shyam e altri due giocatori di casa, il 15enne MF Arjun Erigaisi (per lui norma GM) e il MI Bharathakoti Harsha. Alla competizione hanno preso parte in totale 198 giocatori, fra i quali ventisette GM e ventotto MI.
Risultati: http://chess-results.com/tnr347801.aspx
Classifica finale: 1°-2° Narayanan, Deepan 7,5 punti su 9; 3°-6° Short, Shyam, Erigaisi, Harsha 7; 7°-18° Tukhaev, Rozum, Burmakin, Amonatov, Nihal, Karthikeyan, Rahman, Gupta, Vishnu, Neverov, V. H. Nguyen, Iniyan 6,5; ecc.

LLUCMAJOR (SPAGNA): SANTOS LATASA PRIMO PER SPAREGGIO SU FEDORCHUK
Il GM spagnolo Jaime Santos Latasa ha vinto al fotofinish la settima edizione dell’open di Llucmajor (Spagna), disputata dal 13 al 20 maggio. Santos Latasa è salito sul primo gradino del podio dopo aver superato per spareggio tecnico il GM ucraino Sergey Fedorchuk, favorito della vigilia, e il GM spagnolo Alvar Alonso Rosell che, come lui, avevano totalizzato 7 punti su 9; tutti e tre hanno portato a termine il torneo imbattuti. L’altro over 2600 in gara, il GM bielorusso Sergei Zhigalko, si è piazzato quarto alla guida del nutrito gruppo a 6,5, penalizzato dal ko a forfait del penultimo turno con Alonso Rosell. Al torneo hanno preso parte 138 giocatori, provenienti da ventotto Paesi diversi, tra cui 19 grandi maestri e 15 maestri internazionali.
Risultati: http://chess-results.com/tnr352939.aspx
Classifica finale: 1°-3° Santos Latasa, Fedorchuk, Alonso Rosell 7 punti su 9; 4°-13° Zhigalko, Sumets, Zumsande, Swayams, Hamitevici, Santos Ruiz, Postny, Prithu, Fier Rotstein 6,5; ecc.

MAASTRICHT (OLANDA): ERNST VINCE LA VOLATA DI GRUPPO NELL’OPEN LIMBURG
Il GM olandese Sipke Ernst si è aggiudicato la dodicesima edizione dell’open internazionale Limburg, disputata a Maastricht (Olanda) dal 18 al 21 maggio. Ernst si è piazzato al primo posto con 5,5 punti su 7, ma solo dopo aver superato per spareggio tecnico altri sette giocatori: i GM Christian Bauer (Francia), Liviu-Dieter Nisipeanu (Germania), Erwin L’Ami (Olanda), Alexander Donchenko (Germania), il MF Marcel Harff (Germania), il GM Ruud Janssen (Olanda) e il MI Thomas Beerden (Olanda). I primi quattro in classifica hanno concluso il torneo imbattuti, pareggiando i rispettivi incontri diretti: Nisipeanu, che partiva come favorito della vigilia, ha pareggiato con L’Ami, Bauer ed Ernst, rispettivamente al secondo, al quinto e al settimo turno. Al torneo hanno preso parte 109 giocatori, provenienti da 10 Paesi diversi, tra cui nove grandi maestri e dieci maestri internazionali.
Risultati: https://www.limburgopen.nl/
Classifica finale: 1°-8° Ernst, Bauer, Nisipeanu, L’Ami, Donchenko, Harff, Janssen, Beerdsen 5,5 punti su 7; 9°-13° Nasuta, Lai, Pruijssers, Visser, Dardha 5; ecc.

FOZ DO IGUACU: MARECO RISPETTA IL PRONOSTICO NELL’OPEN DEL BRASILE
Il GM argentino Sandro Mareco ha vinto l’edizione 2018 dell’Open del Brasile, disputata a Foz do Iguacu dal 16 al 20 maggio. Mareco, favorito della vigilia, ha rispettato il pronostico, ma ci è riuscito solo grazie allo spareggio tecnico, che gli ha permesso di superare il MI brasiliano Diego Rafael Di Berardino e il GM uruguaiano Andres Rodriguez Vila che, come lui, avevano totalizzato 7 punti su 9. Mentre Mareco ha portato a termine il torneo senza sconfitte, iniziando la sua prova con quattro vittorie consecutive, Di Berardino e Rodriguez Vila hanno subito rispettivamente una e due sconfitte nei primi turni, recuperando terreno a partire dal quinto. Al torneo hanno preso parte 97 giocatori provenienti da sei Paesi diversi, tra cui dieci grandi maestri e sei maestri internazionali.
Risultati: http://chess-results.com/tnr332759.aspx
Classifica finale: 1°-3° Mareco, Di Berardino, Rodriguez Vila 7 punti su 9; 4°-9° Delgrado Ramirez, Cubas, Leitao, Matsuura, Sunye Neto, Mekhitarian 6,5; 10°-15° Martinez, Perdomo, El Debs, Barbosa, Donoso Diaz, Oliveira 6; ecc.

OLANESTI: CAMPIONATO RUMENO, PRIMI TITOLI PER GEORGESCU E BULMAGA
Il GM rumeno Tiberiu-Marian Georgescu ha vinto l’edizione 2018 del campionato nazionale, disputata a Olanesti dal 14 al 22 maggio. Georgescu si è imposto in solitaria e imbattuto con 7 punti su 9, aggiudicandosi il suo primo titolo. Nella sua corsa al primo posto Georgescu ha affrontato diversi giocatori più quotati, tra cui i GM Marius Manolache e Vladislav Nevednichy, con cui ha vinto al settimo e all’ottavo turno, e il GM Bogdan-Daniel Deac, con cui ha spartito il punto nel decisivo incontro finale. Deac si è, quindi, piazzato secondo a 6,5, superando per spareggio tecnico il GM Vlad-Cristian Jianu. Il GM Andrei Istratescu, che difendeva il titolo e partiva come favorito della viglia, si è dovuto accontentare del quarto posto (settimo per spareggio tecnico) nel gruppo a 6 guidato dal GM Mihail Marin, complice la sconfitta all’ottavo turno con il già citato Jianu.
Fra le donne anche la MI Irina Bulmaga si è aggiudicata il suo primo titolo grazie alla vittoria in solitaria con 7 punti su 9, seguita dalla MI Corina-Isabela Peptan, seconda a 6,5, e dalla GMf Elena-Luminita Cosma, terza a 6 dopo aver superato per spareggio tecnico la MFf Andreea-Marioara Cosman e la GMf Mihaela Sandu.
Risultati: http://chess-results.com/tnr353932.aspx
Classifica finale: 1° Georgescu 7 punti su 9; 2°-3° Deac, Jianu 6,5; 4°-9° Marin, Nevednichy, Manolache, Istratescu, Secheres, Anton 6; ecc.

Lascia un Commento