MS: on line il numero 891

E’ on line il numero 891 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – EUROPEO A SQUADRE: RUSSIA DI NUOVO FAVORITA, GIOCHERÀ ANCHE ARONIAN
2 – SOCHI: LADYA E SIMA-LEND REGINE AI CAMPIONATI RUSSI VELOCI A SQUADRE
3 – LAS PALMAS: SALGADO LOPEZ RE DI SPAGNA DAVANTI AL FAVORITO ANTON
4 – OSLO (NORVEGIA): L’UCRAINO ANDRIY VOVK SENZA RIVALI NEL FESTIVAL
5 – CHIOGGIA: BASSO IN SOLITARIA, ARGENTO ALL’INDIANA VIJAYALAKSHMI
6 – NICHELINO: IL SERBO SREDOJEVIC PRIMO IN SOLITARIA, DRAGOJLOVIC SECONDO

EUROPEO A SQUADRE: RUSSIA DI NUOVO FAVORITA, GIOCHERÀ ANCHE ARONIAN
Sarà ancora una volta la Russia, malgrado le assenze di Kramnik, Karjakin e Svidler, la grande favorita dei campionati europei a squadre, in programma a Creta dal 28 ottobre al 6 novembre. L’evento vedrà schierati in tutto diciannove dei quarantaquattro over 2700 della graduatoria Fide del 1° ottobre, con in testa tre top ten: l’armeno Levon Aronian, reduce dal trionfo in Coppa del mondo, l’azerbaigiano Shakhriyar Mamedyarov e il russo Alexander Grischuk. Proprio quest’ultimo guiderà dunque la propria rappresentativa, che vanterà una media Elo di 2745 e che potrà contare anche su Nepomniachtchi, Fedoseev, Matlakov e Vitiugov. A rendere dura la vita ai favoriti ci penseranno sicuramente Azerbaigian (2728), Ucraina (2697), Inghilterra (2696 – con Adams schierato tatticamente in quarta scacchiera), Israele (2695) e Armenia (2693), ma il torneo si preannuncia piuttosto equilibrato e le sorprese, come al solito, di certo non mancheranno. L’Italia, numero 22 di tabellone su un lotto di 39 partecipanti, vedrà schierati Daniele Vocaturo, Sabino Brunello, Danyyil Dvirnyy (rating medio 2553), Michele Godena (confermati rispetto al 2015) e Luca Moroni (al posto di Axel Rombaldoni).
Anche fra le donne a partire come favorita sarà la Russia (Kosteniuk, Lagno, Gunina, Girya, Goryachkina – media Elo 2525), cui potrebbero contendere il successo Ucraina (2500) e Georgia (2472); decisamente meno quotate le altre formazioni. Le azzurre, quindicesime su 32 nel ranking di partenza, “scenderanno in campo” con Olga Zimina, Marina Brunello, Elena Sedina (confermate), Desiree Di Benedetto e Tea Gueci (al posto di Movileanu e Santeramo).
Sito ufficiale: http://euroteams2017.com/

SOCHI: LADYA E SIMA-LEND REGINE AI CAMPIONATI RUSSI VELOCI A SQUADRE
Quarantuno GM nel rapid e trentanove nel blitz, con top player quali Mamedyarov, Andreikin e Fedoseev ai nastri di partenza, senza contare le giocatrici di vertice, come Natalija Pogonina, Olga Girya e Anastasia Bodnaruk. Sono alcuni dei numeri dei campionati russi a squadre a cadenza veloce, disputati dal 3 al 5 ottobre a Sochi, subito dopo quelli individuali. Ad aggiudicarsi il titolo rapid nella sezione open, relativamente a sorpresa, è stata la Ladya (Repubblica del Tatarstan), che poteva contare su Kamsky, Artemiev e Timofeev e che ha concluso al primo posto in solitaria con 14 punti su 18 di squadra e 21,5 su 36 individuali, staccando di una lunghezza la super-favorita Sima-Lend Urali (Mamedyarov, Andreikin, Riazantsev, Rublevsky e Shirov) e Ugra (Jakovenko, Khismatullin). Fra le donne Ugra (Pogonina, Girya), numero tre di tabellone, ha fatto l’en plein, 12 su 12, staccando di due lunghezze San Pietroburgo (Bodnaruk, Ovod).
Nel torneo blitz la corazzata Sima-Lend Urali (con gli stessi giocatori) non ha deluso stavolta le aspettative, totalizzando 26 punti su 30 di squadra e 47,5 su 60 individuali; argento e bronzo, come da ranking di partenza, sono andati alla Bortsy za Ideyu di Mosca (Dubov, Morozevich, Savchenko, Bocharov) e alla Ladia, entrambe a quota 24. Fra le donne Ugra ha concesso il bis, stavolta con 16 su 20 di squadra e 26 su 40 individuali, contro i 12 della DGTU di Rostov e della Kimmeriya (Crimea).
Sito ufficiale: http://ruchess.ru/
Classifiche finali
Open rapid: 1^ Ladya 14 punti di squadra su 18 (21,5 su 36 individuali); 2^ Sima-Lend Urali 13 (24,5); 3^ Ugra 13 (24); 4^ Leggende Mosca 12 (22,5); 5^ San Pietroburgo 12 (20); 6^ Bortsy za Ideyu Mosca 11 (21); 7^ Amici di Ivan Bukavshin Samara 11 (20,5); 8^ AQ (Krasnodar) 11 (19,5); ecc.
Open blitz: 1^ Sima-Lend Urali 26 punti di squadra su 30 (47,5 su 60 individuali); 2^ Bortsy za Ideyu Mosca 24 (43,5); 3^ Ladya 24 (41); 4^ Regione di Vologda 23 (40); 5^ Leggende Mosca 21 (41,5); 6^ Ugra 21 (39); 7^ San Pietroburgo 20 (35,5); 8^ Amici di Ivan Bukavshin Samara 19 (36,5); 9^ Crimea 18 (33,5); ecc.

LAS PALMAS: SALGADO LOPEZ RE DI SPAGNA DAVANTI AL FAVORITO ANTON
In attesa che la battaglia politica fra Catalogna e governo spagnolo giunga a un epilogo, la località di Las Palmas (Gran Canaria) ha incoronato il nuovo re di Spagna, per lo meno quello delle 64 case. Ivan Salgado Lopez, che a luglio si era aggiudicato in Italia l’open internazionale di Bergamo, ha conquistato il suo secondo titolo nazionale (dopo quello del 2013), vincendo in solitaria il campionato disputato dal 29 settembre al 7 ottobre. Il 26enne galiziano, numero due di tabellone, ha terminato imbattuto in vetta con 7,5 punti su 9: la vittoria dell’ultimo turno ai danni del GM Jose Fernando Cuenca Jimenez gli ha permesso di staccare il gruppo e di concludere infine con mezza lunghezza di vantaggio su altri sei giocatori. Il favorito GM David Anton Guijarro, grande protagonista lo scorso gennaio a Gibilterra, ha guadagnato la medaglia d’argento, mentre il GM Daniel Forcen Esteban ha conquistato il bronzo; penalizzati dallo spareggio tecnico, ma anche loro a quota 7, il MI Renier Castellanos Rodriguez, il MI Jaime Santos Latasa, il GM Julen Luis Arizmendi Martinez e il MI Carlos Suarez Garcia. Per la cronaca i migliori classificati fra i rappresentati catalani in gara, il MI Hipolito Asis Gargatagli e il GM Marc Narciso Dublan, si sono piazzati rispettivamente 11° e 12° a 6,5. Alla competizione hanno preso parte in totale 154 giocatori, fra i quali undici GM e tredici MI. Assente il numero uno spagnolo Francisco Vallejo Pons, vincitore del campionato dal 2014 al 2016.
Sito ufficiale: https://info64.org/lxxxii-campeonato-de-espana-individual-absoluto-17
Classifica finale: 1° Salgado Lopez 7,5 punti su 9; 2°-7° Anton Guijarro, Forcen Esteban, Castellanos Rodriguez, Santos Latasa, Arizmendi Martinez, Suarez Garcia 7; 8°-13° Ibarra Jerez, Cuenca Jimenez, Asis Gargatagli, Narciso Dublan, Del Rio De Angelis, Espinosa Aranda 6,5; ecc.

OSLO (NORVEGIA): L’UCRAINO ANDRIY VOVK SENZA RIVALI NEL FESTIVAL
Il GM ucraino Andriy Vovk ha dominato l’edizione 2017 del Festival di Oslo (Norvegia), disputata dal 29 settembre al 7 ottobre. Vovk si è imposto in solitaria e imbattuto con 8,5 punti su 10, staccando di un’intera lunghezza i suoi avversari più diretti. Dietro di lui, il GM ungherese Boris Chatalbashev è salito sul secondo gradino del podio alla guida di un nutrito gruppo a quota 7,5, composto anche dal GM francese Sebastien Maze, dal MI cinese Di Li, da un altro GM francese, Matthieu Cornette, e dai norvegesi GM Frode Urkedal e MI Benjamin Arvola.
Il GM polacco Grzegorz Gajewski, che partiva come favorito della vigilia, non è andato oltre il 26° posto alla guida del gruppo a 6, complice una seconda parte del torneo piuttosto deludente, nella quale ha perso con il già citato Li al settimo turno e con il GM svedese Erik Blomqvist all’ultimo turno. Al torneo hanno preso parte 123 giocatori, provenienti da 18 paesi diversi, tra cui undici grandi maestri e nove maestri internazionali.
Sito ufficiale: http://turneringsservice.sjakklubb.no/
Classifica finale: 1° A. Vovk 8,5 punti su 10; 2°-7° Chetalbashev, Maze, Li, Cornette, Urkedal Arvola 7,5; 8°-12° Xu, Blomqvist, Deveraux, Pigott, Djurhuus 7; ecc.

CHIOGGIA: BASSO IN SOLITARIA, ARGENTO ALL’INDIANA VIJAYALAKSHMI
Il 19enne MI trevigiano Pier Luigi Basso si è aggiudicato la 12^ edizione dell’open internazionale weekend “Città di Chioggia”, disputata dal 6 all’8 ottobre. Basso, numero uno di tabellone nell’open A, ha rispettato il pronostico piazzandosi al primo posto in solitaria e imbattuto con 4,5 punti su 5 e siglando l’unico pareggio all’ultimo turno con la GMf indiana Subbaraman Vijayalakshmi. È stata proprio quest’ultima a salire sul secondo gradino del podio alla guida del gruppo a 4, di cui fanno parte anche i MF veneziani Andrea Dappiano e Fulvio Zamengo.
Nessuna sorpresa neppure nell’open B, dove il favorito Savino Di Lascio di Bari ha concluso il torneo in solitaria e imbattuto con un perfetto 5 su 5, lasciando dietro di sé un nutrito gruppo di inseguitori, che si sono fermati a quota 4, guidati dal trentino Giovanni Dallaglio. Hanno totalizzato 4 punti su 5 anche il trevigiano Gianni Rossi, il vicentino Giorgio Pieropanla bolzanina Nicole Samantha Paparella (classe 2002) e il trevigiano Dante Tomio.
La trevigiana Anna Gomirato, classe 2006, ha vinto, invece, a sorpresa, l’open C, dove partiva con il numero 16 di tabellone (su 19 partecipanti), e si è piazzata al primo posto in solitaria e imbattuta con 4,5 punti su 5. Sul secondo gradino del podio è salito il tedesco Stefan Meyer, favorito della vigilia, solitario a quota 4. Terzo alla guida del gruppo a 3,5 il veronese Marco Tiozzo, che ha superato per spareggio tecnico il padovano Giovanni Di Buono e il trevigiano Francesco Ragonese. Alla manifestazione hanno preso parte 191 giocatori provenienti da sette Paesi diversi, tra cui un grande maestro, un maestro internazionale e tre maestri Fide nel torneo principale.
Risultati: http://vesus.org/
Classifiche finali
Open A: 1° Basso 4,5 punti su 5; 2°-4° Vijayalakshmi, Dappiano, Zamengo 4; 5°-7° Sponchiado, Sririam, L. Loiacono 3,5; 8°-12° Gallana, Vianello, Gallo, Bratkovic, A. Loiacono 3; ecc.
Open B: 1° Di Lascio 5 punti su 5; 2°-5° Dallaglio, Rossi, Pieropan, Paparella, Tomio 4; 6°-11° Ballarin, Gioga, Boscolo, Rosina, Gurschler 3,5; ecc.
Open C: 1^ Gomirato 4,5 punti su 5; 2° Meyer 4; 3°-5° Tiozzo, Di Buono, Ragonese 3,5; 6°-11° Frescura, Fornaro, Boscolo Meneguolo, Ureche, Giraldi, Gazzola 2,5; ecc.

NICHELINO: IL SERBO SREDOJEVIC PRIMO IN SOLITARIA, DRAGOJLOVIC SECONDO
Il MI serbo Ivan Sredojevic ha rispettato il pronostico e ha vinto la 18^ edizione del Festival Città di Nichelino (Piemonte), disputata dal 6 all’8 ottobre. Sredojevic si è piazzato al primo posto in solitaria e imbattuto con 4 punti su 5, vincendo le prime tre partite e pareggiando le ultime due rispettivamente con il connazionale MI Andjelko Dragojlovic e con il torinese Gianluca Finocchiaro. Dragojlovic si è poi classificato secondo superando per spareggio tecnico il torinese Oltjon Llupa, dopo che entrambi avevano totalizzato 3,5 punti: mentre Dragojlovic ha portato a termine il torneo senza sconfitte, Llupa è stato fermato al terzo turno da Sredojevic, ma questo non gli ha impedito di laurearsi miglior italiano in gara.
L’open B è stato vinto dall’astigiano Xu Ten Lon, che si è imposto in solitaria e imbattuto con 4,5 punti su 5, vincendo tra gli altri con i più quotati Enrico Ferrario e Anton Doromeychuk (entrambi di Torino), rispettivamente al terzo e al quarto turno, e spartendo il punto con l’astigiano Luca Zavattero (classe 2005). Doromeychuk è salito sul secondo gradino del podio dopo aver superato per spareggio tecnico il già citato Zavattero, l’astigiano Jacopo Dovano e il palermitano Bruno D’India che, come lui, avevano totalizzato 4 punti su 5. Solo sesto alla guida del gruppo a 3,5 il torinese Francesco Malano, favorito della vigilia, rallentato nella corsa al podio dalla sconfitta subita al terzo turno per mano di Doromeychuk.
Nell’open C l’astigiano Andrea Zavattero (classe 2005) ha vinto al fotofinish superando per spareggio tecnico il torinese Erik Lucchetta (classe 2000), dopo che entrambi avevano totalizzato 4,5 punti su 5. Terzo a 4 il torinese Simone Coalova, classe 2004. Alla manifestazione hanno preso parte 72 giocatori, tra cui due maestri internazionali nell’Open principale.
Risultati: http://vesus.org/festivals/18deg-festival-cittagrave-di-nichelino/
Classifiche finali
Open A: 1° Sredojevic 4 punti su 5; 2°-3° Dragojlovic, Llupa 3,5; 4°-5° Finocchiaro, Alaimo 3; 6^-8° Raccanello, Bisi, Ragni 2,5; 9°-12° Manni, Bergero, Tripodi, Mina 2; ecc.
Open B: 1° Xu Ten 4,5 punti su 5; 2°-5° Doromeychuk, L. Zavattero, Dovano, D’India 4; 6°-7^ Malano, ,Petrini 3,5; 8°-15° Briata, Catalano, Grech, Careddu, Ferrario, Gola, Petrini, Finamore 3; ecc.
Open C: 1°-2° A. Zavattero, Lucchetta 4,5 punti su 5; 3° Coalova 4; 4°-5° Prigione, Agresta 3,5; 6°-10° Iosipescu, Avaro, Udrea, Amadori, Capezzera 3; ecc.

Lascia un Commento