MS: on line il numero 1063

E’ on line il numero 1063 del nostro settimanale web, Messaggero Scacchi. E’ possibile leggerlo in formato pdf. Il file di partite è in formato PGN zippato.
In questo numero:
1 – SAINT LOUIS (USA): SINQUEFIELD CUP, SECONDO SUCCESSO PER VACHIER-LAGRAVE
2 – AIMCHESS US RAPID: ARTEMIEV-FIROUZJA E CARLSEN-ARONIAN IN SEMIFINALE
3 – BARCELLONA (SPAGNA): L’INDIANO SETHURAMAN PRIMO, DVIRNYY DODICESIMO
4 – POLANICA ZDROJ (POLONIA): SHEVCHENKO SI IMPONE NEL MEMORIAL RUBINSTEIN
5 – LINARES: PRIMO TITOLO SPAGNOLO PER EDUARDO ITURRIZAGA, TERZO VALLEJO
6 – SKALICA (SLOVACCHIA): KOROBOV LA SPUNTA SU BERNADSKIY NEL “MASTERS”
7 – SKANDERBOG (DANIMARCA): L’UCRAINO SOLODOVNICHENKO RISPETTA IL PRONOSTICO
8 – TASHKENT (UZBEKISTAN): L’ARMENO SARGSYAN SU TUTTI NEL MEMORIAL AGZAMOV
9 – INNSBRUCK (AUSTRIA): VINCE L’INDIANO SADHWANI, ARGENTO PER FULVIO ZAMENGO
10 – SALSOMAGGIORE TERME: LOMBARDIA REGINA AI CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI
11 – AGRIGENTO: IL MACEDONE MARTINOVICI SI IMPONE DAVANTI A LARKIN E REIMANIS
12 – FERMO: LUCIANI PRIMO IN SOLITARIA NEL FESTIVAL, QUARTO IL FAVORITO DAMIA
13 – PRESOLANA: IL POLACCO STACHANCZYK SUPERA IL CONNAZIONALE DUKACZEWSKI

SAINT LOUIS (USA): SINQUEFIELD CUP, SECONDO SUCCESSO PER VACHIER-LAGRAVE
Maxime Vachier-Lagrave si è aggiudicato l’edizione 2021 della tradizionale Sinquefield cup, disputata a Saint Louis (USA) dal 17 al 26 agosto, diventando il primo giocatore a vincere due volte l’evento in solitaria. Il torneo, che aveva un rating medio di 2742 (20ª categoria Fide), ha fatto seguito alla combinata rapid e blitz e costituiva la quinta e ultima tappa del Grand Chess Tour 2021, disputato in forma ridotta e senza fase finale a causa della pandemia; il francese ha chiuso imbattuto in vetta con 6 punti su 9, staccando di mezza lunghezza tre giocatori di casa, ovvero Fabiano Caruana, Wesley So e Leinier Dominguez, e di una e mezza l’ungherese Richard Rapport.
«La prima volta che ho vinto la Sinquefield Cup [nel 2017], ero ansioso di dimostrare il mio valore. Negli ultimi anni ho sentito di aver dimostrato la mia abilità. Questo successo sembra più una redenzione», ha commentato MVL, che dopo un lungo periodo non proprio ricco di soddisfazioni è tornato, grazie a questo risultato, nella top ten in lista Fide.
Oltre al francese un altro giocatore ha potuto festeggiare a Saint Louis: Wesley So ha chiuso al primo posto nella graduatoria del circuito con 36,6 punti, a fronte dei 35 dello stesso Vachier-Lagrave, dei 26,5 di Shakhriyar Mamedyarov e dei 24,8 di Caruana. «Sono felice di aver vinto ancora una volta il Grand Chess Tour [la prima era stata nel 2016 – ndr]», ha commentato: «Sono sinceramente sorpreso da questo successo, perché ho perso alcune occasioni all’inizio del torneo. Sono molto fortunato ad aver vinto il circuito e voglio ringraziare il Grand Chess Tour per aver continuato a organizzare questi eventi eccellenti».
Gli organizzatori hanno già annunciato che l’edizione 2022 ci sarà, con qualche tappa in più rispetto a quest’anno. Nel frattempo, dal 7 al 10 settembre, Saint Louis ospiterà un evento di alt livello piuttosto particolare, il “Champions Showdown 2021: Chess 9LX”: nove top player e il “veterano” Garry Kasparov si affronteranno negli scacchi “Fischer Random” e l’ormai ex orco di Baku è atteso a un pronto riscatto, dopo l’ultimo posto rimediato nel torneo blitz della “combinata”.
Sito ufficiale: https://grandchesstour.org/
Classifica finale: 1° Vachier-Lagrave 6 punti su 9; 2°-4° Caruana, So, Dominguez 5,5; 5° Rapport 4,5; 6°-8° Mamedyarov, Xiong, Shankland 4; 9° Svidler 3,5; 10° Swiercz 2,5

AIMCHESS US RAPID: ARTEMIEV-FIROUZJA E CARLSEN-ARONIAN IN SEMIFINALE
Saranno Artemiev-Firouzja e Carlsen-Aronian le semifinali dell’Aimchess US rapid, ultima tappa del Meltwater Chess Tour, iniziata il 28 agosto e in programma fino al 5 settembre sulla piattaforma Chess24. Vladislav Artemiev, già terzo nel recente Chessable Masters e ancor prima secondo nel Goldmoney Asian rapid, ha vinto imbattuto la fase preliminare del torneo con 10,5 punti su 15, staccando di mezza lunghezza Magnus Carlsen e di una Levon Aronian e Alireza Firouzja; a conquistare gli altri quattro posti per i quarti di finale sono stati Wesley So, Shakhriyar Mamedyarov, Jan-Krysztof Duda (tutti e tre a quota 9) e Leinier Dominguez (8). Non sono riusciti a qualificarsi, invece, alcuni protagonisti delle precedenti tappe: Anish Giri (8 punti, escluso dallo spareggio tecnico), Maxime Vachier-Lagrave (decimo a 7,5) e Le Quang Liem (tredicesimo a 6).
Nei quarti di finale, mentre Carlsen ha liquidato Duda per due set a zero (2,5-0,5, 2,5-0,5), prendendosi una parziale rivincita dopo l’eliminazione dalla Coppa del mondo, e Aronian ha fatto altrettanto con Mamedyarov (3-1, 2-1), più combattute sono state le altre due sfide. Artemiev, dopo aver pareggiato in rimonta il primo set per 2-2 con Dominguez, si è aggiudicato il secondo 3-1, vincendo la terza e la quarta partita. Firouzja ha vinto il primo set con So 2,5-0,5 e si è portato in vantaggio 1,5-0,5 nel secondo, ma lo statunitense ha infilato due vittorie consecutive e il match è approdato agli spareggi blitz; qui, dopo una patta, il neo-rappresentante francese ha chiuso i conti vincendo col Bianco.
Dopo l’Aimchess US rapid, il Meltwater Chess Tour si concluderà con le finali in programma dal 25 settembre; sono qualificati ormai matematicamente Carlsen, So, Aronian, Radjabov, Giri, Nepomniachtchi, Nakamura e Artemiev, mentre altri giocatori potranno partecipare solo con una wild card. Nel frattempo è già stata annunciata anche l’edizione 2022 del circuito: inizierà a febbraio e prevede nove tornei.
Sito ufficiale: https://championschesstour.com/

BARCELLONA (SPAGNA): L’INDIANO SETHURAMAN PRIMO, DVIRNYY DODICESIMO
Il GM indiano Panayappan Sethuraman ha vinto al fotofinish l’edizione 2021 del torneo “Città di Barcellona” (Spagna), disputata dal 18 al 26 agosto. Sethuraman, favorito della vigilia, ha rispettato i pronostici solo grazie allo spareggio tecnico, che gli ha permesso di superare il GM russo Daniil Yuffa che, come lui, ha totalizzato 7,5 punti su 9. Mentre il vincitore ha portato a termine il torneo senza sconfitte, il russo è stato fermato al quarto turno dal MI indiano Sai Agni Jeevitesh. Sul terzo gradino del podio è salito un altro indiano, il GM Murali Karthikeyan, terzo alla guida del gruppo a 7 composto anche dai GM Alexander Fier (Brasile), Chithambaram Aravindh (India), Jules Moussard (Francia) e Fernando Peralta (Argentina). L’unico italiano in gara, il GM trevigiano Danyyil Dvirnyy, si è piazzato ottavo (12° per spareggio tecnico) nel gruppo a 6,5, guidato dal GM armeno Aram Hakobyan, migliorando il suo ranking iniziale. Dvirnny, che partiva con il numero quindici di tabellone, ha subito due battute d’arresto, al quarto e al sesto turno, rispettivamente con il già citato Akobyan e con la MIf cilena Belen Gomez Barrera Javiera.
All’evento hanno preso parte in totale 290 giocatori, provenienti da ventotto Paesi diversi, tra cui quindici GM e diciassette MI nel gruppo principale.
Risultati: https://chess-results.com/tnr568619.aspx
Classifica finale: 1°-2° Sethuraman, Yuffa 7,5 punti su 9; 3°-7° Kartikheyan, Fier, Aravindh, Moussard, Peralta 7; 8°-13° Hakobyan, Arjun, Visakh, Lopez Martinez, Dvirnyy, Boix Moreno 6,5; ecc.

POLANICA ZDROJ (POLONIA): SHEVCHENKO SI IMPONE NEL MEMORIAL RUBINSTEIN
Il diciottenne GM ucraino Kirill Shevchenko ha vinto il torneo Master del festival intitolato alla memoria di Akiba Rubinstein, giunto alla 57ª edizione e disputato a Polanica Zdroj (Polonia) dal 14 al 22 agosto. Shevchenko, numero tre di tabellone, ha chiuso in vetta con 6 punti su 9, superando per spareggio tecnico il favorito GM ceco David Navara; quest’ultimo era da solo al comando con 4,5 punti dopo 5 turni, ma dopo il ko nello scontro diretto col vincitore non è più riuscito a vincere una partita, terminando la sua prova con tre pareggi. In terza posizione a 5,5 ha chiuso il diciottenne MI polacco Pawel Teclaf, che ha inflitto l’unica sconfitta a Shevchenko e realizzato una norma di grande maestro; quarto, sempre a 5,5, un altro giocatore di casa, il GM Kacper Piorun, numero quattro nel ranking di partenza. Sottotono il GM tedesco Matthias Bluebaum: numero due di tabellone, non è andato oltre il settimo posto a 4. La competizione aveva un rating medio di 2599 (14ª categoria Fide).
Nell’ambito della manifestazione sono stati disputati anche diversi open: in quello principale (60 partecipanti, fra cui sette grandi maestri) il GM polacco Grzegorz Nasuta si è imposto con 7,5 punti su 9, staccando di mezza lunghezza il connazionale MI Jakub Kosakowski; terzi a 6,5 il GM ucraino Artem Omelja, il GM ceco Stepan Zilka e il GM lituano Eduardas Rozentalis; solamente nono a quota 5,5 il favorito GM georgiano Baadur Jobava.
Risultati: https://www.chessmanager.com/
Classifica finale Master: 1°-2° Shevchenko, Navara 6 punti su 9; 3°-4° Teclaf, Piorun 5,5; 5° Tomczak 5; 6° Gumularz 4,5; 7° Bluebaum 4; 8° Stocek 3,5; 9° Ovsejevitsch 3; 10° Krasenkow 2

LINARES: PRIMO TITOLO SPAGNOLO PER EDUARDO ITURRIZAGA, TERZO VALLEJO
Il GM di origine venezuelana Eduardo Iturrizaga Bonelli ha vinto l’86ª edizione del campionato spagnolo assoluto, disputata a Linares dal 16 al 24 agosto. Iturrizaga, che rappresenta la Spagna dallo scorso gennaio, ha concluso solitario e imbattuto in vetta con 7,5 punti su 9, staccando di mezza lunghezza otto giocatori, fra i quali il GM Jaime Santos Latasa (argento) e il favorito GM Francisco Vallejo Pons (bronzo). Decisivo è stato l’ultimo turno, prima del quale ben sette giocatori condividevano il primo posto a quota 6,5: Iturrizaga, opposto col Nero al MI Paolo Ladron de Guevara, è stato l’unico a vincere, assicurandosi così il successo; il titolo assoluto per lui fa seguito a quello blitz e all’argento nel campionato rapid.
Fra le donne la MI Sabrina Vega Gutierrez non ha avuto rivali, piazzandosi 16ª assoluta nel folto gruppo a 6; Marta García Martín, con 5,5 punti, e Viviana Galván, con 5, hanno ottenuto il secondo e il terzo posto. All’evento, disputato con formula open, hanno preso parte in totale 171 giocatori, fra i quali dieci GM e tredici MI.
Sito ufficiale: https://info64.org/ce-absoluto-2021
Classifica finale: 1° Iturrizaga 7,5 punti su 9; 2°-9° Santos Latasa, Vallejo Pons, Cuenca Jimenez, Antón Guijarro, Salgado Lopez, Santos Ruiz, Shirov, Pérez Candelario 7; 10°-12° Garza Marco, Galiana Fernandez, Cesar Maestre 6,5; ecc.

SKALICA (SLOVACCHIA): KOROBOV LA SPUNTA SU BERNADSKIY NEL “MASTERS”
Il GM ucraino Anton Korobov ha vinto al fotofinish l’edizione 2021 del torneo “Skalica Masters”, disputata nella città slovacca dal 21 al 29 agosto. Korobov, favorito della vigilia, si è piazzato al primo posto con 6 punti su 9, superando per spareggio tecnico il connazionale GM Vitaliy Bernadskiy; entrambi hanno subito una battuta d’arresto: il vincitore è stato fermato al quarto turno dal MI ceco Jan Vykouk, mentre Bernadskiy ha perso al turno successivo con il GM indiano Leon Luke Mendonca. Quest’ultimo è poi salito sul terzo gradino del podio, superando a propria volta per spareggio tecnico Vykouk, dopo che entrambi avevano totalizzato 5,5 punti. La competizione aveva una media Elo di 2489 (10ª categoria Fide).
Risultati: http://chess-results.com/tnr548083.aspx
Classifica finale: 1°-2° Korobov, Bernadskiy 6 punti su 9; 3°-4° Mendonca, Vykouk 5,5; 5°-6° Movsesian, Lomasov 5; 7° Michalik 4,5; 8° Kostolansky 4; 9° Sahidi 3,5; 10° Brhel 0

SKANDERBOG (DANIMARCA): L’UCRAINO SOLODOVNICHENKO RISPETTA IL PRONOSTICO
Il GM ucraino Yuri Solodovnichenko si è aggiudicato l’edizione 2021 del torneo “Smuk Skak”, disputato a Skanderbog (Danimarca) dal 14 al 22 agosto. Solodovinchenko, che partiva come favorito della vigilia, si è piazzato al primo posto in solitaria e imbattuto con 6,5 punti su 9, staccando di mezza lunghezza i suoi inseguitori diretti, ovvero il diciassettenne MF tedesco Frederik Svane (per lui norma MI) e il GM ungherese Gabor Nagy. Sia Svane che Nagy hanno subito una sconfitta al primo turno: il tedesco ha perso con il MI danese Bjorn Moller Ochsner, mentre l’ungherese è stato fermato da Solodovnichneko. In gara c’era anche il GM bergamasco Sabino Brunello, che si è piazzato quarto (quinto per spareggio tecnico) a quota 5 insieme a Ochsner. L’azzurro è stato rallentato da due sconfitte consecutive, al quinto e al sesto turno, rispettivamente con Ochsner e con Svane. Il torneo aveva una media Elo di 2451 (9ª categoria Fide).
Risultati: http://chess-results.com/tnr574137.aspx
Classifica finale: 1° Solodovnichenko 6,5 punti su 9; 2°-3° Svane, Nagy 6; 4°-5° Ochsner, Brunello 5; 6°-7° Janik, Olsen 4; 8°-9° Lindgren, Pedersen 3; 10^ Antolak 2,5

TASHKENT (UZBEKISTAN): L’ARMENO SARGSYAN SU TUTTI NEL MEMORIAL AGZAMOV
Il GM armeno Shant Sargsyan ha vinto la quattordicesima edizione del torneo in memoria di Georgij Agzamov, primo grande maestro uzbeco, scomparso prematuramente all’età di 31 anni nel 1986 in seguito a un incidente. L’evento, che come molti altri nel 2020 non si era potuto svolgere a causa della pandemia, è stato disputato a Tashkent (Uzbekistan) dal 16 al 22 agosto. Sargsyan, che partiva con il numero due di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con 7 punti su 9, staccando di mezza lunghezza il favorito GM di casa Nodirbek Abdusattorov e altri cinque giocatori: il MI tagico Muhammad Khusenkhojaev (per lui norma GM), il GM armeno Tigran Harutyunyan, i GM uzbechi Nodirbek Yakubboev e Jakhongir Vakhidov e il GM azerbaigiano Misratdin Iskandarov. Decisivo è stato l’ultimo incontro, nel quale Sarsyan ha pattato con Vakhidov (che al turno precedente aveva sconfitto Abdusattorov), mentre Yakubboev, che lo affiancava al comando, ha perso con Iskandarov. Nel gruppo a 6 ha chiuso fra gli altri il GM armeno Manuel Petrosyan, numero tre di tabellone, rallentato da un inatteso ko al secondo turno e poi da tre pareggi conclusivi. Alla competizione hanno preso parte in totale 150 giocatori, provenienti da undici Paesi diversi, tra cui diciannove GM e dieci MI nel gruppo principale.
Risultati: http://chess-results.com/tnr573890.aspx
Classifica finale: 1° Sargsyan 7 punti su 9; 2°-7° Abdusattorov, Khusenkhojaev, Harutyunyan, Yakubboev, Vakhidov, Iskandarov 6,5; 8°-12° Mchedlishvili, Petrosyan, Stupak, Goganov, Savchenko 6; ecc.

INNSBRUCK (AUSTRIA): VINCE L’INDIANO SADHWANI, ARGENTO PER FULVIO ZAMENGO
Ottima prova e secondo posto assoluto per il MF veneziano Fulvio Zamengo nella quinta edizione del festival internazionale di Innsbruck (Austria), disputata dal 21 al 29 agosto. Zamengo, numero tredici di tabellone, ha concluso imbattuto con 7 su 9, venendo superato solo dal quindicenne GM indiano Raunak Sadhwani, già primo al recente festival di Spilimbergo, che ha totalizzato 8 punti (pattando un combattuto scontro diretto con l’azzurro). Il ventitreenne veneto ha guadagnato 22 punti Elo, salendo a 2393 e realizzato una performance di 2465, ma tanto non gli è bastato per ottenere una norma MI: ha infatti incontrato solo due MI/GM anziché i tre previsti dal regolamento.
In terza posizione, in testa al gruppo a 6,5, si è piazzato a sorpresa il MF canadese Mike Ivanov, numero 57 di tabellone, che ha perso solo col vincitore e superato per spareggio tecnico, fra gli altri, il favorito GM austriaco Markus Ragger (Elo 2685), il MI tedesco Dennes Abel e il MI austriaco Florian Schwabeneder, terzo e quinto rispettivamente nel ranking di partenza. Poco più dietro, in sedicesima posizione a 6, si è classificato il MI leccese Pierluigi Piscopo. Alla manifestazione hanno preso parte in totale 321 giocatori divisi in tre gruppi, in rappresentanza di ventiquattro Paesi (quattordici in tutto gli italiani), fra i quali quattro GM, dieci MI, una GMf e trentasei MF nel torneo principale.
Risultati: https://chess-results.com/tnr534225.aspx
Classifica finale: 1° Sadhwani 8 punti su 9; 2° Zamengo 7; 3°-11° Ivanov, Ragger, Fecker, Abel, Leisch, Schwabeneder, Tisaj, Malek, Fuchs 6,5; ecc.

SALSOMAGGIORE TERME: LOMBARDIA REGINA AI CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI
La Lombardia ha fatto la parte del leone ai campionati italiani giovanili, ospitati dal 22 al 28 agosto a Salsomaggiore Terme (Parma), medesima sede del 2019. L’edizione 2021 dell’evento ha registrato la partecipazione di 617 giocatori provenienti da diciotto regioni italiane e la Lombardia ha ottenuto cinque titoli su tredici, primeggiando nella classifica speciale per regioni con 265 punti, seguita dalla Sicilia con 181 punti (tre ori), dal Veneto con 118 (un oro) e dal Lazio con 116 (due ori). Tredici i tornei disputati in questa edizione, poiché alle consuete fasce dagli under 8 agli under 16 si sono aggiunte quelle under 18 e un torneo speciale under 19, per non fare perdere ai giocatori i diritti agonistici di cui non avevano potuto usufruire nel 2020, anno in cui a causa della situazione sanitaria la grande kermesse degli scacchi giovanili italiani non si era potuta disputare.
Fra i più grandi, gli under 19 appunto, il favorito maestro teramano Nicolò Orfini si è imposto in solitaria con 6 punti su 8, staccando di mezza lunghezza la MFf biellese Maria Palma (che si è laureata campionessa femminile) e di una il salernitano Pierluigi Gambardella e il napoletano Michele Di Leva. Il maestro italo-inglese Ieysaa Bin-Suhayl ha vinto il titolo under 18 con 7,5 punti su 9; alle sue spalle il MF senese Francesco Bettalli si è piazzato secondo a 7, mentre in ordine di spareggio a 6,5 hanno chiuso il bergamasco Fabio Colonetti, il favorito MF bresciano Gabriele Lumachi e il senese Leonardo Mascia. Fra le ragazze, invece, la chietina Melissa Maione l’ha spuntata con 7 su 9, superando per spareggio tecnico la pistoiese Sara Gabbani e staccando di mezza lunghezza la torinese Giada Rinaudo.
L’open under 16 ha registrato il successo del legnanese Simone Pozzari, che ha concluso solitario in vetta con 8,5 punti su 9; a quota 7, nell’ordine, si sono piazzati il CMF napoletano Claudio Paduano, il maestro bergamasco Neven Hercegovac e il milanese Luca Di Trapani. Nel femminile la favorita CM bergamasca Elisa Cassi ha totalizzato a propria volta 8,5 punti su 9, contro i 7 della romana Kamilla Rubinshtein e della trevigiana Silvia Bordin.
Nell’under 14 il bresciano Gabriel Urbani ha totalizzato 7,5 punti su 9, superando per spareggio tecnico il torinese Giorgio Gola; hanno chiuso a quota 7 il trevigiano Lorenzo Candian, la favorita MFf milanese Giulia Sala, i vicentini Alberto Celadon e Alex Pigato e il veneziano Edoardo Conte. Tra le ragazze la veneziana Asia De Bianchi ha dominato con 8,5 su 9, staccando di una lunghezza la conterranea Eva Jane Marson; terze a 6 la romana Sharon Glover e la pavese Sara Annamaria Serban.
Il romano Stefano Maldonado si è aggiudicato il titolo under 12 realizzando l’en-plein, 9 su 9; secondo a 8 il triestino Nicolas Perossa, terzi a 7 il palermitano Amos Giacomo Zerilli e i padovani Gabriele Serea e Boyuan Lin. La palermitana Sabina Artissi, favorita della vigilia, ha vinto il femminile con 8 punti, staccando di una lunghezza e mezza la romana Ludovica Parisi, la catanese Silvia Ciraulo e la bresciana Eva Peretti.
Il leccese Mattia Murra ha vinto l’under 10 con 8 punti su 9, seguito a 7,5 dal torinese Riccardo Costalonga e a 7 dal milanese Dulmina Ravihansa Moratumullege. Un’altra milanese, Lavinia Cara Romeo, ha dominato la gara femminile con 8,5 su 9, staccando di mezza lunghezza la romana Maddalena Corvi e di due la catanese Chiara Fargetta.
Il milanese Michele Di Liberto si è imposto nell’under 8 con 8 punti su 9, lasciandosi alle spalle l’udinese David Despeyroux e il pratese Riccardo Frigerio, entrambi a 7. Tra le bimbe, infine, la palermitana Clio Alessi ha fatto l’en-plein, 9 su 9; seconda a 8 la milanese Ria Arun, terze a 6 la torinese Vera Filannino e la milanese Ieva Borroi.
Le campionesse e i campioni italiani di ogni fascia d’età avranno diritto a una borsa di studio per un corso annuale di 60 ore della Scuola Scacchistica Federale e potranno essere convocati ai Campionati Mondiali o Europei delle rispettive categorie.
Come rilevato in un comunicato della Federscacchi, i giovani partecipanti hanno affrontato «con pazienza le difficoltà inevitabili dovute alle misure di sicurezza anti Covid, severe come non mai vista l’età dei piccoli campioni, molti dei quali non ancora nell’età in cui è consentito vaccinarsi»; buona la copertura mediatica da parte di testate generaliste, non solo cartacee: fra l’altro «diversi telegiornali nazionali, tra cui quello di Tv2000, Studio Aperto e il Tg3 dell’Emilia Romagna, hanno dedicato ampi servizi all’evento».
Foto di tutti i podii all’indirizzo https://bit.ly/2UYjWtA
Sito ufficiale: https://www.cigscacchi2021.it/
Classifiche finali
Under 19 open (9 part.): 1° Orfini Nicolò (RM), 2ª Palma Maria (PA), 3° Gambardella Pierluigi (SA)
Under 18 open (51 part.): 1° Bin-Suhayl Ieysaa (TP), 2° Bettalli Francesco (SI), 3° Colonetti Fabio (BG)
Under 18 femminile (13 part.): 1ª Maione Melissa (CH), 2ª Gabbani Sara (PO), 3ª Rinaudo Giada (TO)
Under 16 open (88 part.): 1° Pozzari Simone (MI), 2° Paduano Claudio (NA); 3° Hercegovac Neven (BG)
Under 16 femminile (23 part.): 1ª Cassi Elisa (BG), 2ª Rubinshtein Kamilla (RM), 3ª Bordin Silvia (TV)
Under 14 open (116 part.): 1° Urbani Gabriel (BS), 2° Gola Giorgio (TO), 3° Candian Lorenzo (TV)
Under 14 femminile (22 part.): 1ª De Bianchi Asia (VE), 2ª Marson Eva Jane (VE), 3ª Glover Sharon (RM)
Under 12 open (118 part.): 1° Maldonado Stefano (RM), 2° Perossa Nicolas (TS), 3° Zerilli Amos Giacomo (PA)
Under 12 femminile (36 part.): 1ª Artissi Sabina (PA), 2ª Parisi Ludovica (RM), 3ª Ciraulo Silvia (CT)
Under 10 open (73 part.): 1° Murra Mattia (LE), 2° Costalonga Riccardo (TO), 3° Moratumullege Dulmina Ravihansa (MI)
Under 10 femminile (21 part.): 1ª Cara Romeo Lavinia (MI), 2ª Corvi Maddalena (RM), 3ª Fargetta Chiara (CT)
Under 8 open (29 part.): 1° Di Liberto Michele (MI), 2° Despeyroux David (UD), 3° Frigerio Riccardo (PO)
Under 8 femminile (18 part.): 1ª Alessi Clio (PA), 2ª Arun Ria (MI), 3ª Filannino Vera (TO)

AGRIGENTO: IL MACEDONE MARTINOVICI SI IMPONE DAVANTI A LARKIN E REIMANIS
Il MI macedone Ilia Martinovici ha vinto la sesta edizione del festival di Agrigento, disputata dal 27 al 19 agosto. Martinovici, che partiva con il numero due di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con 5 punti su 6, pareggiando al secondo e al quinto turno rispettivamente con il MF tedesco Dirk Maxion e con il più quotato MI lettone Ritvars Reimanis. Sul secondo gradino del podio è salito il MI ucraino Vladyslav Larkin con 4,5 punti e un’unica sconfitta, al terzo turno con Martinovici. Il già citato Reimanis, favorito della vigilia, si è piazzato terzo alla guida del gruppo a 4, superando per spareggio tecnico il CM catanese Pietro Pisacane, migliore tra gli italiani in gara, e il MF olandese Maurice Schippers.
L’agrigentino Vincenzo Silvago ha vinto a sorpresa l’open B, concludendo in solitaria e imbattuto con 5,5 punti su 6; il palermitano Francesco Verga (classe 2007) e il catanese Francesco Furnari hanno spartito il secondo posto a quota 4,5. Furnari, che partiva come favorito della vigilia, è stato rallentato nella corsa al primo posto da troppi pareggi e dalla sconfitta, subita al terzo turno, per mano del già citato Silvago.
L’open C è stato vinto dal catanese Claudio Catanzaro (classe 2007) con 5,5 punti su 6, seguito da Giuseppe Palumbo a 5 e dal ragusano Nunzio Santini a 4,5. All’evento hanno preso parte 71 giocatori, provenienti da undici Paesi diversi, tra cui quattro MI e tre MF nel gruppo principale.
Risultati: https://vesus.org/festivals/6deg-chess-festival-di-agrigento/
Classifiche finali
Open A: 1° Martinovici 5 punti su 6; 2° Larkin 4,5; 3°-5° Reimanis, Pisacane, Schippers; 6°-9° Sardo, Vuelban, Warakomska, Gangemi 3,5; ecc.
Open B: 1° Salvago 5,5 punti su 6; 2°-3° Verga, Furnari 4,5; 4°-9° Franceschino, Passiglia, Maresco, Schembri, Catalanotto 4; ecc.
Open C: 1° C. Catanzaro 5,5 punti su 6; 2° Palumbo 5; 3° Santini 4,5; 4°-7° E. Catanzaro, Occhipinti, Pensavalle, Fortezza 4; 8° Caracciolo 3,5; ecc.

FERMO: LUCIANI PRIMO IN SOLITARIA NEL FESTIVAL, QUARTO IL FAVORITO DAMIA
Il MF veronese Valerio Luciani si è aggiudicato la quarta edizione del festival internazionale del Fermano, disputato a Fermo dal 23 al 29 agosto. Luciani, che partiva con il numero quattro di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con 5 punti su 7, pareggiando, tra gli altri con il MI milanese Angelo Damia e il maestro biellese Giovanni Siclari, entrambi più quotati, rispettivamente al quarto e al quinto turno. Dietro di lui, il CM bresciano Cesare Cristiani è salito sul secondo gradino del podio alla guida del gruppo a 4,5, composto anche dal CM biellese Matteo Migliorini, dai già citati Damia e Siclari e dal CM romano Gianluca Ottaviani. Damia, che partiva come favorito della vigilia, è stato rallentato nella corsa al primo posto da troppi pareggi, ben cinque su sette partite.
Il romano Federico Bonelli ha vinto al fotofinish l’open B con 5 punti su 7, superando per spareggio tecnico i bresciani Ugo Cattaneo e Nicola Onger, il tedesco Maik Kopischke, favorito della vigilia, e il latinense Giorgio Della Rocca. Alla manifestazione hanno partecipato in totale 46 giocatori, tra cui un MI e due MF nel gruppo principale.
Risultati: https://vesus.org/
Classifiche finali
Open A: 1° Luciani 5 punti su 7; 2°-6° Cristiani, Migliorini, Damia, Siclari, Ottaviani 4,5; 7°-8° Bardone, Donati 4; 9°-11° Bellincampi, Carletti, Barlocco 3,5; ecc.
Open B: 1°-5° Bonelli, Cattaneo, Onger, Kopischke, Della Rocca 5 punti su 7; 6°-8° Mattiozzi, Bertolotti, Cangiano 4,5; ecc.

PRESOLANA: IL POLACCO STACHANCZYK SUPERA IL CONNAZIONALE DUKACZEWSKI
Il MI polacco Jacek Stachanczyk ha vinto la quarantesima edizione dell’Open internazionale “Conca della Presolana”, disputata a Castione della Presolana (Bergamo) dal 22 al 29 agosto. Stachanczyk, che partiva con il numero due di tabellone, si è imposto in solitaria e imbattuto con 8 punti su 9, pareggiando con i connazionali MI Piotr Dukaczewski al secondo turno e Dawid Falkowski al sesto. Sul secondo gradino del podio è salito il già citato Dukaczewski, favorito della vigilia, con 7 punti e un’unica sconfitta, all’ultimo turno con il CM milanese Francesco Podini. Il già citato Falkowski si è piazzato terzo a quota 6,5, seguito a 6 dal bergamasco Lorenzo Mora e a 5,5 da un altro bergamasco, il CM Stefano Ranfagni, e da Podini.
Il varesotto Lodovico Sterzi si è, invece, imposto nel torneo Rising con 6,5 punti su 8, staccando di un’intera lunghezza Leonardo Maria Boria di Monza Brianza, mentre il piemontese Nicolò Temi (classe 2005) si è piazzato terzo alla guida del gruppo a 4, composto anche dalla milanese Nadia Spigarelli e dai bergamaschi Alessandro Testa e Mario Omacini.
Complice la concomitanza con i campionati italiani giovanili, alla manifestazione hanno preso parte solo 27 giocatori, tra cui due MI nel torneo principale.
Risultati: https://vesus.org/
Classifiche finali
Principale: 1° Stachanczyk 8 punti su 9; 2° Dukaczewski9 7; 3° Falkowski 6,5; 4° Mora 6: 5°-6° Ranfagni, Podini 5,5; 7°-9^ Casartelli, Masserini, Kazmierczak 4,5; ecc.
Rising: 1° Sterzi 6,5 punti su 8; 2° Boria 5,5; 3°-6° Temi, Spigarelli, Testa, Omacini 4; 7° Gallo 3,5; 8^ Orsenigo 3; 9° Mangili 1,5

Lascia un Commento