\\ Home Page : Articolo : Stampa
Russia, dal 2008 scacchi a scuola
Di mida (del 24/07/2007 @ 23:55:30, in News, linkato 1648 volte)
Fonte: www.ansa.it. Ulteriori dettagli in inglese sul sito Fide, all'indirizzo http://www.fide.com/news.asp?id=1412
(ANSA) - MOSCA, 23 LUG - Dal 2008 il gioco degli scacchi potrebbe diventare una materia di studio obbligatoria nei primi tre anni delle scuole elementari. Lo ha annunciato oggi il ministro dell'istruzione russo Andrei Fursenko, affermando anche che il progetto prevede due ore di lezione settimanali in prima elementare, che passeranno poi a tre al secondo e terzo anno di scuola. Per gli esperti la materia svolgerà un ruolo importante nel potenziamento delle capacità logiche e strategiche degli alunni negli anni in cui le facoltà cognitive sono ancora in via di sviluppo.
L'idea non è però una novità assoluta, visto che in due regioni russe, Celiabinsk, negli Urali, e Calmucchia, nella Russia meridionale, i bambini in età compresa tra i sei e gli otto anni già hanno iniziato a studiare la disciplina, con risultati molto positivi: i voti in tutte le materie sono cresciuti del 40%. La spiegazione di tanto successo è la fusione dell'utile e del dilettevole: gli studenti percepiscono gli scacchi come un gioco e allo stesso tempo affinano la capacità di elaborare una tattica logica e di prevedere le mosse dell'avversario attraverso il ragionamento.
L'iniziativa ha incontrato il favore dei genitori, della Duma e di molti esperti, anche se per questi ultimi sarebbe meglio rendere il gioco una materia facoltativa, per evitare un eventuale rigetto. Un altro problema è quello di reperire i maestri. L'Università dello sport, dove studiano i futuri esperti di scacchi, genera ogni anno solo sette laureati, decisamente insufficienti per un progetto che coinvolgerà tutte le scuole della Federazione.